Un po’ girotondo, un po’ nascondino: al Museo Oliveriano giochi di parole e indovinelli per bambini con Leone Pantaleoni

di 

26 settembre 2014

Un po' girotondo un po' nascondino: incontro per bambini con Leone PantaleoniPESARO – Domenica 12 ottobre alle 17 nel Museo Archeologico Oliveriano avrà luogo la prima iniziativa del programma autunnale del Salone della parola promosso da Biblioteca e Musei Oliveriani.

Leone Pantaleoni intratterrà il pubblico dei giovanissimi con giochi di parole e indovinelli, o, come lui dice, con girotondi e nascondini fornendo un esempio che in linguaggio dotto si chiama “ludo linguistica”. Per lui, enigmista principe, ludo linguistica e enigmistica si fa fatica a distinguerle ma, aggiungiamo noi, ciò che accomuna questo genere di attività è il gusto per il gioco dell’intelligenza in cui trovano posto crittografie e sciarade, anagrammi, rebus etc.

E’ da 40 anni che Leone Pantaleoni collabora con la Settimana Enigmistica. Correva l’anno 1974 quando Leone da Cagli (questo lo pseudonimo scelto in onore della sua città natale) inviò i suoi primi rebus. Vennero presto i premi, a cominciare dalla medaglia d’oro del 1985 nel concorso annuale più ambito: quello per autori della Settimana Enigmistica. Caso più unico che raro, il rebus fu prescelto alla unanimità e 15 anni più tardi esso collezionò l’argento al Premio Capri dell’Enigma dietro il poeta e scrittore Edoardo Sanguineti. Quindi trovò ospitalità su vari libri, a cominciare dal Dizionario Enciclopedico di Enigmistica e Ludolinguistica della Zanichelli e dal Diccionario de enigmistica di Barcellona. In un saggio tascabile Stefano Bartezzaghi gli dedica le seguenti parole conclusive: “Non è la Recherche ma, nel suo genere, è un capolavoro: ed è un capolavoro di creatività perché come direbbe Anassagora ‘insieme erano tutte le cose’”. Nell’ambito del Gradara Ludens la soluzione del rebus è curioso e simpatico oggetto di sfida fra Umberto Eco e Roberto Benigni, notoriamente grandi appassionati di enigmistica. Come se non bastasse, tra i suoi estimatori Leone vanta anche il compianto critico d’arte Federico Zeri. Dal 1985 ad oggi nove sono le medaglie di prestigio vinte, le ultime delle quali risalenti al 2012 e 2013.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Iniziativa realizzata con il patrocinio di:

Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Pesaro, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, Associazione “Amici della Biblioteca Oliveriana”.

Gli altri appuntamenti presso la Biblioteca e i Musei Oliveriani:

Martedì 28 ottobre e i successivi cinque martedì, ore 18 – Osservazioni sulla Biblioteca e Musei Oliveriani di Pesaro, ciclo sui contenuti meno noti dell’Oliveriana promosso da Università dell’Età Libera.

Giovedì 30 ottobre, ore 15 – Storie da musei, archivi, biblioteche, concorso di scrittura e fotografia in biblioteca promosso dal MAB Marche, in collaborazione con Regione Marche, Associazione “Raccontidicittà”, Narcissus.me di Simplicissimus Book Farm e Biblioteche Aperte. Partecipazione previa iscrizione gratuita: schede di iscrizione e informazioni dal sito www.oliveriana.pu.it.

Sabato 8 novembre, ore 17 – prima di quattro lezioni di Biblioterapia con gli antichi tenute da Marinella De Luca, con patrocinio della Associazione Italiana Biblioteche. Partecipazione previa iscrizione e versamento contributo.

14 dicembre, ore 17 – Nono mai scrito agressivo ho sempre scrito strampatello, un libro pubblicato dalla Cooperativa Sociale Francesca presentato da Paolo Teobaldi.

Salone della parola V/2014
Nella Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo
UN PO’ GIROTONDO UN PO’ NASCONDINO
Storie per bambini (6 – 11 anni) di Leone Pantaleoni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>