Serie D, il punto: Vis bicchiere ancora mezzo vuoto, Fano “maledizione” di Coppa

di 

28 settembre 2014

PESARO – Hai voglia ad avere fiducia, hai voglia a dire che il gruppo permette tante soluzioni e sta crescendo. Sarà anche vero ma il dato, nudo e crudo, dice che la Vis nelle prime 4 giornate ha totalizzato 2 miseri punti frutto di altrettanti pareggi casalinghi. E con questi numeri, lo dice la storia, si retrocede. Contra la Jesina, priva di Strappini e del suo sostituto Brighi, la Vis ha giocato bene i primi 20 minuti, sfruttando l’effetto sorpresa dato dalla formazione: 4-2-3-1 con Bottazzo mezzapunta abile ad aprire varchi per Bugaro e Torelli, con una linea difensiva abbastanza piantata con Brighi terzino destro e Giorgio Vagnini al centro dell’area, in campo dopo un anno abbondante di inattività. La Jesina, in campo con un 4-1-4-1 con Traini unica punta ha fatto forse il resto: prese le misure tatticamente ha via via spento la manovra pesarese pur non creando, di contro, gol a parte, grosse occasioni da gol.

Per la Vis era una partita da vincere invece, alla fine, il Benelli ha quasi gioito per il pareggio di Bugaro, su rigore, netto, nei minuti finali dopo aver sprecato parecchio e, incassato lo 0-1, aver pagato psicologicamente per lunghi, lunghissimi, minuti. Questa Vis fatica a far gol anche se, rispetto alla prime uscite, ha subìto di meno dietro (ma resta da vedere dove inizino i meriti pesaresi e dove finiscano i demeriti leoncelli). Da applausi i tifosi vissini, che hanno sostenuto dall’inizio alla fine la squadra, esponendo solo uno striscione polemico contro il Comune subito dopo l’1-0 jesino: “900 mila euro per un campo di provincia, mentre il Benelli cade a pezzi come la Vis”.

Restano due convinzioni: a questa Vis, ancora un laboratorio con pochi capi saldi, servirebbero un paio di trascinatori di esperienza vera (over veri, uno come Marco Brighi, per intenderci, ingaggiato dalla Jesina) per far crescere e girare al meglio i tanti giovani di qualità in rosa ma, senza possibilità economiche, come si ripete da inizio stagione, si può solo sostenere il gruppo attuale sperando che cresca da solo, velocemente, almeno in alcuni determinanti elementi. Vedi Evacuo, vedi Rossoni, vedi anche Bottazzo. Poi, a fine campionato, ci sarà modo di fare il punto, chiarire forse tutti gli aspetti e capire se una Vis così, con una potenza economica che pare nettamente inferiore anche a tante squadre di Eccellenza, può continuare a fare calcio di un certo tipo e a un certo livello. A partire dalla prossima difficilissima trasferta: Campobasso che, tanto per rimanere in tema di esperienza, ha battuto la Fermana con i gol di Di Gennaro, scuola Milan, tanti anni in B e Miani, ex Termoli, quasi 40 gol nelle ultime due stagioni.

Intanto iniziano a delinearsi le forze del campionato: la Maceratese di Peppe Magi non perde un colpo e vola sulle ali dell’entusiasmo (4-0 al Termoli) e la Samb, che in attacco può contare su una qualità pazzesca per la categoria, pare ora l’unica vera sfidante. Anche se il gruppone che verosimilmente lotterà per primato e zona playoff (Matelica, Campobasso e Chieti) è subito dietro. Sorprende il Castelfidardo (3-0 al Celano), continua a stentare la Civitanovese (2-2 a Chieti grazie al secondo gol di Amodeo al 94′), riperde la Fermana nonostante il secondo gol lampo di fila di Pedalino. In risalita il Matelica (in rete Ambrosini), sorprende il San Nicolò corsaro a Recanati. Al Fano non basta Sivilla: la Coppa Italia è stato un sogno di mezza estate? La Samb ha vendicato lo sconfitta del Mancini vincendo in rimonta trainato da uno straordinario tifo. Per l’Alma (che domenica potrà rifarsi al Mancini ricevendo la Recanatese) anche la sfortuna: trauma distorsivo al ginocchio sinistro per Sebastianelli, uomo chiave negli schemi di mister Alessandrini.

Girone F
Campobasso – Fermana 2-1 (1′ pt Pedalino, 14′ pt De Gennaro, 21′ pt Miani)
Castelfidardo – Celano 3-0 (18′ pt Carboni, 2′ st Sbarbati, 25′ st Tassi)
Chieti – Civitanovese 2-2 (16′ pt Amodeo, 45′ pt Di Pietro, 4′ st Corvino, 48′ st Amodeo)
Giulianova – Olimpia Agnonese 0-0
Maceratese – Termoli 4-0 (10′ pt Marini, 25′ pt Croce, 2′ st D’Antoni, 46′ st De Grazia)
Matelica – Amiternina Scoppito 2-0 (16′ pt Gilardi, 43′ st Ambrosini)
Recanatese – San Nicolò 1-2 (23′ st Marolda, 38′ st Gabrielli, 42′ st Bisegna)
Sambenedettese – Alma Juventus Fano 2-1 (4′ st Sivilla, 14′ st Valim, 24′ st Di Paola)
Vis Pesaro – Jesina 1-1 (24′ st Francia, 43′ st Bugaro su rigore)

La classifica del Girone F

Maceratese 12
Sambenedettese 10
Matelica 9
Campobasso 8
Castelfidardo 8
Chieti 8
San Nicolò 7
Recanatese 6
Civitanovese 5
Amiternina 4
Fano 4
Fermana 4
Giulianova 4
Jesina 2
Olympia Agnonese 2
Termoli 2
Vis Pesaro 2
Celano Marsica 0

LA GALLERIA DI VIS – JESINA

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>