“Briefing della conservazione digitale dei documenti fiscali”: seminario online gratuito

di 

30 settembre 2014

MAROTTA – Parte da Marotta di Mondolfo un’interessante ed utile iniziativa di respiro nazionale legata alle nuove norme sulla conservazione digitale dei documenti fiscali e sulla fattura elettronica per la Pubblica Amministrazione, obbligatoria per i rapporti con i ministeri dal giugno scorso e per tutti gli enti pubblici da marzo 2015. Si tratta del “Briefing della Conservazione digitale dei documenti fiscali”, che sarà trasmesso via internet, attraverso un collaudato sistema di videoconferenza, su tutto il territorio italiano lunedì 6 ottobre a partire dalle 14,30, a cura di “Multimedia It”, una software house di Marotta di Mondolfo specializzata nella produzione di applicativi per la conservazione digitale dei documenti, distribuiti anche da “TeamSystem” e utilizzati da numerose imprese e studi tributari. L’introduzione della fattura elettronica per la Pubblica Amministrazione ha posto all’attenzione di molti la necessità di creare e conservare documenti elettronici con tutte le cautele che si prestano a quelli cartacei. L’Italia delle partita Iva, dei commercialisti, delle associazioni di categoria si è trovata “impreparata” e sono pochi quelli che hanno colto l’occasione per digitalizzare tutti i loro processi, integrando gestione documentale e conservazione digitale per garantire la qualità dei procedimenti e la conservazione di lungo periodo. Partecipare al briefing di “Multimedia It” può essere molto interessante per commercialisti, ragionieri, responsabili It e per chiunque abbia a che fare con la conservazione e lo scambio di documenti e di fatture elettroniche. Con l’aiuto di esperti, verranno analizzate le nuove norme della conservazione digitale, quelle relative ai documenti fiscali, il ruolo dei commercialisti e delle imprese nel processo di digitalizzazione delle attività amministrative e di quelle necessarie per avere un archivio digitale a “norma”.

Questo il programma del seminario on-line, GRATUITO PER TUTTI e al quale ci si può iscrivere fino a poche ore prima del suo svolgimento:

14,30 “Dalla gestione documentale alla conservazione commerciale”, di Claudio Caprara, direzione commerciale di “Multimedia It”;

14,45 “Fattura Elettronica e conservazione, regole definite e prospettive future”, del dott. Mario Carmelo Piancaldini, Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Accertamento;

15,30 “Effetti della conservazione digitale e della fattura elettronica su studi tributari e centri servizi”, del dott. Salvatore De Benedictis, dottore commercialista e revisore contabile;

16,15 “Il sistema di interscambio e il processo si ricezione ed inoltro delle fatture elettroniche destinate alla PA”, di Gerardo De Caro, Direzione Centrale dell’Agenzia delle Entrate;

16,45 “Effetti dell’innovazione digitale sulle piccole imprese e sulle professioni”, di Fabio Massimo, presidente Cna Ict;

17,15 “Opinioni degli stakeholder” con interventi di professionisti ed esperti della conservazione;

17,45 domande e risposte dei partecipanti;

18,15 conclusioni.

Per informazioni  www.multimediait.com e segreteria@multimediait.net.

“Multimedia It” vanta 20 anni di esperienza, un team di 10 programmatori e 1.700 licenze attive in tutta Italia che generano 80.000 archivi digitali, pari a circa la metà di quelli presenti sul territorio nazionale. Gli effetti del suo impegno sono tangibili nei risultati, visto che secondo le statistiche fornite dalla Agenzie delle Entrate nel 2012, la regione Marche, 12esima come popolazione, vanta un numero di archivi digitali per abitante (25,43 ogni 1.000) che è il terzo in Italia dietro a Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna, con un valore percentuale che è addirittura doppio rispetto a quello della Lombardia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>