Invito a Palazzo: Banca dell’Adriatico apre le sue collezioni d’arte. Dal Mas: “Attenzione e vicinanza al territorio dove operiamo è iniziative culturali promosse dalla banca”

di 

30 settembre 2014

PESARO – Porte aperte al pubblico nel segno della pittura, scultura e la mostra di manufatti preziosi “I Gioielli Ritrovati“ di Giovanni Gentiletti nella sede della Banca dell’Adriatico di via Gagarin, 216 a Pesaro.

Anche quest’anno la banca aderisce a “Invito a Palazzo”, la manifestazione promossa dall’ABI sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica giunta alla XIII edizione.

Nella giornata di sabato 4 ottobre, dalle ore 10 alle 19, il pubblico avrà l’opportunità di visitare la pinacoteca della banca costituita da oltre 130 opere che vanno dal ’500 al ’900, oltre a diversi autori contemporanei alcuni di questi appena rientrati da prestiti per mostre di alto livello.

Nelle sale del Consiglio sarà possibile ammirare i dipinti di Simone Cantarini detto il Pesarese, una splendida “Giuditta e Oloferne con fantesca” dalla luce caravaggesca del Guerrieri di Fossombrone, i dipinti su tavola di Pagani e il “San Donino” di Giovanni Antonio Bellinzoni da Pesaro. La sala Comitato invece è interamente dedicata ad Alessio De Marchis del quale Banca dell’Adriatico possiede uno dei più importanti corpus di opere. Altri splendidi dipinti sono disseminati nel piano nobile della Sede.

Con questa XIII edizione di Invito a Palazzo” la Banca dell’Adriatico conferma il nuovo spazio dedicato alla scultura, inaugurato nel 2013 con la mostra dell’artista  Claudio Cesarini, rendendo omaggio fino al 30 ottobre all’artista prematuramente scomparso Giovanni Gentiletti al quale è dedicata l’evento “I GIOIELLI RITROVATI” opere preziose ed inedite visitabili nella giornata di Invito a Palazzo.

“La nostra adesione a “Invito a Palazzo” – ha dichiarato Roberto Dal Mas direttore generale della Banca dell’Adriatico – conferma l’attenzione che Banca dell’Adriatico riserva al territorio nel quale opera. L’apertura della nostra Sede di Pesaro e del Palazzo storico di Ascoli Piceno si inserisce in un’ampia azione di sostegno delle iniziative culturali, che per noi rimane fondamentale, insieme con il dovere di essere vicini a famiglie e attività economiche”.

La mostra “I GIOIELLI RITROVATI” è visitabile durante l’intera giornata di sabato 4 ottobre mentre alle ore 17.30 è prevista  un incontro per ricordare l’artista seguito da un brindisi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>