Il “nostro” Giacomo Lucchetti è campione d’Italia 250cc: “Dedicato a chi mi è stato sempre vicino”

di 

6 ottobre 2014

Giacomo Lucchetti di nuovo campione d'Italia

Giacomo Lucchetti di nuovo campione d’Italia

SCARPERIA (Firenze) – Quattro Vittorie, quattro Pole Position e quattro Giri Veloci su cinque gare totali, è questo il “bottino” di Giacomo Lucchetti al termine di un Campionato dominato dall’inizio alla fine.

Una stagione vissuta sempre in apnea fronteggiando a muso duro gli infiniti sacrifici quotidiani immedesimandosi manager di se stesso, carrozziere quando si tratta di riparare e verniciare le carenature danneggiate, magazziniere, autista del suo piccolo furgone e tanto altro perlomeno fino a quando, arrivando in autodromo sfodera finalmente tutto il suo talento ed una determinazione impressionante.

“Effettivamente quest’ultimo periodo è stato davvero tremendo – scrive il grande Jack Lucchetti – Per far fronte a tutti i preparativi per questa importantissima finale, non scherzo se dico che negli ultimi dieci giorni ho dormito circa due ore e mezzo di media a notte. Causa la caduta rimediata ad Imola lo scorso 07 settembre oltre al lavoro tecnico effettuato dal mio staff, è stato necessario intervenire radicalmente anche sulla parte aerodinamica ed estetica delle carenature e grazie all’aiuto di mio babbo che mi è stato sempre accanto nelle nottate trascorse tra resine, carbonio, stucchi e vernici sono riuscito a portare a termine il tutto presentandomi al Mugello lucido e levigato”.

Proprio al Mugello è andata in scena una finale dalle fasi iniziali drammatiche a causa dello spaventoso incidente occorso subito dopo il via in cui sono rimasti coinvolti ben tre piloti tra i quali Roberto Marchetti, compagno di squadra di Giacomo, tamponato e letteralmente scaraventato in avanti per 50 metri. Dopo attimi di puro terrore ed angoscia in tarda mattinata sono arrivate dall’ospedale informazioni rassicuranti sulle condizioni fisiche dei tre piloti che se la caveranno con alcune fratture ed escoriazioni ma fortunatamente nulla di compromettente per il futuro.

Nel frattempo dopo una nuova procedura di partenza la gara è ripresa con i soliti due mattatori Giacomo Lucchetti e Jarno Ronzoni che prendono fin da subito il comando con il bergamasco a condurre ed il pesarese ad incalzare.
“A dire il vero sono partito con un solo obiettivo: non sbagliare. A fronte del mio vantaggio in classifica sapevo che per portarmi a casa il titolo sarebbe bastata una gara tranquilla ma io e Jarno siamo rivali da sempre ed ogni volta è difficile accontentarsi di arrivare dietro dunque abbiamo finito per darcele di santa ragione fino alla fine. Inizialmente mi sono messo buono buono dietro di lui, l’ho studiato, punzecchiato, provocato facendogli vedere la mia ruota ad ogni frenata, inserimento, cambio di direzione ma come sempre lui è rimasto freddo ed impassibile senza commettere alcuna sbavatura”.

La svolta però arriva a metà gara quando Giacomo decide di rompere gli indugi.
Dopo questa prima fase di studio ho deciso che era arrivato il momento di provarci così ho allungato la frenata al limite all’ingresso della Casanova-Savelli passando in testa ed imponendo il mio ritmo fino alla fine”.

Terzo Titolo dunque e tanti progetti per il futuro sia in ambito sportivo e televisivo.
Behh… in questo momento dobbiamo riuscire a “cavalcare l’onda” ed entro l’inizio di novembre capire cosa il 2015 saprà davvero portarci. Intanto continuiamo a lavorare duro perché le prospettive sono davvero  interessanti ed importanti anche in vista della battaglia contro ogni maltrattamento, crudeltà e sopruso verso gli animali. Battaglia che continuerà ancor più forte e per la quale metterò a disposizione ogni risorsa”.

La dedica per questo terzo titolo è d’obbligo.
“Ovviamente dedico questo nuovo successo a tutte le persone che non mi hanno mai abbandonato, rimanendomi vicine anche nei momenti più difficili. Tra queste ovviamente il mio babbo e la mia mamma ai quali devo praticamente tutto, ai miei sponsor senza dei quali nulla sarebbe possibile ed infine agli amici parte dei quali anche ieri erano presenti al Mugello emozionandosi e soffrendo insieme a me. FANTASTICO!!!”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>