Gianni Morbidelli non parla cinese: a Shangai 11esimo per colpa del sottosterzo

di 

13 ottobre 2014

Gianni MorbidelliSHANGAI – La prima corsa del WTCC a Shanghai è stata particolarmente noiosa, ovviamente tranne che per Citroën Racing: grazie al “poker” guidato dal leader del campionato José Maria Lòpez, la casa francese si è aggiudicata come previsto il titolo costruttori FIA WTCC 2014. Gianni Morbidelli piuttosto che annoiarsi ha sofferto, più impegnato a lottare col sottosterzo che ha rovinato la competitività del suo fine settimana a Shanghai che con gli avversari. Ha concluso la corsa undicesimo, dietro alla Honda Civic di Mehdi Bennani, poi vincitore di una incerta e sorprendente gara due. Gara due che per Morbidelli ha avuto come solo episodio di rilievo il contatto con l’ex-campione del mondo WTCC Rob Huff al quarto giro, mentre i due si disputavano la dodicesima posizione. La direzione gara ha assegnato un drive-through alla nera Chevrolet Cruze numero dieci e col distacco salito attorno al minuto è andata in archivio ogni speranza di finire la domenica con almeno qualche punticino utile per la classifica: Morbidelli ha terminato tredicesimo.

L’OPINIONE DI GIANNI SU SHANGHAI

“Le due gare in Cina che ci siamo appena messi alle spalle dapprima ci hanno riservato una bella sorpresa a Pechino, dove siamo stati molto più competitivi del previsto ed ho sfiorato il podio, poi una sorpresa molto brutta a Shanghai dove invece è successo il contrario. Per quanto riguarda la seconda trasferta: è stato un weekend deludente, privo di competitività, nemmeno a sprazzi. E tutto nel più totale mistero: non abbiamo capito il perché! Non c’è tanto da aggiungere, ci rimane solo da analizzare i dati nella speranza di capirci qualcosa e di trovare risposte a quanto accaduto ieri e sabato.  E’ evidente che da parte mia c’è preoccupazione perché non mi era mai capitato di essere in tale difficoltà da inizio stagione. Ancora una volta voglio ringraziare il caloroso sostegno dei tanti ospiti invitati alla gara dalla Camozzi Cina e lo stesso Marco Camozzi che ci ha onorato della sua presenza in pista a Shanghai. Per tutti loro avrei voluto ricambiare il supporto con un buon risultato, ma purtroppo non sono riuscito nell’intento, nonostante né io né il team abbiamo mai minimamente risparmiato nell’impegno…”.

SHANGHAI INTERNATIONAL CIRCUIT (CHN)
Domenica 12 ottobre 2014

GARA UNO
1. José-Maria Lòpez (Citröen C-Elysée) 14 giri in 26’15.097
2. Ma Qing Hua (Citröen C-Elysée) + 2.089
3. Yvan Muller (Citröen C-Elysée) + 5.793
4. Sebastien Loeb (Citröen C-Elysée) + 6.175
5. Norbert Michelisz (Honda Civic) + 16.050
(..)
11. GIANNI MORBIDELLI (Chevrolet Cruze) + 47.194
R. RENE MUENNICH (Chevrolet Cruze)

GARA DUE
1. Mehdi Bennani (Honda Civic) 14 giri in 26’21.882
2. Tiago Monteiro (Honda Civic) + 2.590
3. José-Maria Lòpez (Citröen C-Elysée) + 4.041
4. Norbert Michelisz (Honda Civic) + 13.976
5. Ma Qing Hua (Citröen C-Elysée) + 14.416
(..)
13. GIANNI MORBIDELLI (Chevrolet Cruze) + 1’06.588
R. RENE MUENNICH (Chevrolet Cruze)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>