I gioielli ritrovati

di 

13 ottobre 2014

Gioielli ritrovati

Gioielli ritrovati

PESARO – Il 4 ottobre presso la Banca dell’Adriatico di via Gagarin a Pesaro si è svolto, all’interno della XIII Edizione di “Invito a Palazzo”, un evento nell’evento: la mostra de “ I gioielli ritrovati” di Giovanni Gentiletti nell’ambito dell’esposizione di sculture dello stesso autore inaugurata l’8 maggio. Sono stati presentati diciannove splendidi pezzi in oro, con i relativi bozzetti e studi, realizzati tra il 1978 e il 1987. Si tratta di oggetti di altissima oreficeria e design eseguiti con la tecnica a sbalzo e cesello, nella quale Gentiletti era grande maestro. Sono vere e proprie sculture in cui l’uso finissimo e molto preciso del cesello forma splendidi piumaggi negli uccelli e animali fantastici del cosiddetto “periodo zoomorfo”. Altrettanto intrigante è la stupefacente lavorazione del periodo precedente, la cosiddetta “fase egizia”, in cui simbologie tratte dalla antica arte egizia sono fatte proprie , rivissute e reinterpretate autonomamente dall’artista. Le aeree e pure geometrie che incorniciano le sculture sono una sintesi di armoniosa bellezza, ove tutto è studiato per dare leggerezza e al contempo risalto al gioiello. La mostra orafa, che ha richiamato grande pubblico, è durata purtroppo solo un giorno, mentre la mostra di sculture è visitabile in orario d’ufficio della banca fino al prossimo 30 ottobre. II grande artefice di questi due eventi è il direttore generale della Banca dell’Adriatico Roberto Dal Mas che si avvale dell’infaticabile Luciano Dolcini autentico regista delle manifestazioni culturali della banca e caro amico della famiglia Gentiletti.

Si ringrazia Valeria Alberini

(Storico e critico d’arte)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>