Violenza alla stazione di Fano, il sindaco Seri allerta il Prefetto: “Così non si può andare avanti”. Le rassicurazioni di Visconti

di 

14 ottobre 2014

Massimo Seri

Massimo Seri

FANO – “Non è più possibile tollerare episodi di questo tipo”. E’ preoccupato per il ripetersi dei fenomeni di violenza e di vandalismo nelle adiacenze della stazione ferroviaria di Fano il sindaco Massimo Seri, che si è prontamente attivato segnalando al Prefetto di Pesaro e Urbino la grave situazione.

“Ho subito chiamato il prefetto per invitarlo ad inserire la questione della sicurezza all’ordine del giorno e all’attenzione del Comitato provinciale per la pubblica sicurezza e la risposta è arrivata puntuale. Durante il tavolo sulla sicurezza già convocato in Prefettura per la giornata di oggi (in questo momento in corso) avremo quindi modo di affrontare il problema”.

Già nel mese di settembre l’Amministrazione comunale aveva inviato una lettera alle Ferrovie dello stato per segnalare lo stato di incuria in cui versa la stazione, una situazione che crea disagi a cittadini e a turisti. Una richiesta di attenzione alla quale oggi fa seguito quella di un incontro con la direzione regionale delle Ferrovie dello Stato “al fine di concordare insieme l’adozione di misure per la prevenzione di episodi di violenza che causano danni materiali alle stesse ferrovie , ai miei concittadini e all’immagine della città”.

“Un plauso – conclude il sindaco di Fano – va alle forze dell’ordine che ancora una volta sono prontamente intervenute a risolvere la situazione”.

Dopo l’incontro, Seri ringrazia il prefetto

A conclusione della riunione del Comitato provinciale per la sicurezza pubblica, cui hanno partecipato l’assessore Caterina Del Bianco e il comandante della polizia municipale Giorgio Fuligno, il sindaco Massimo Seri ha voluto esprimere un sincero ringraziamento al Prefetto di Pesaro e Urbino Attilio Visconti per la tempestività con cui è stata affrontata la questione.

“Il prefetto – ha aggiunto il sindaco Seri – nell’esaminare insieme a tutte le forze dell’ordine la critica situazione alla stazione ferroviaria di Fano, che purtroppo è comune a quella di altre città marchigiane della costa, ha fornito assicurazioni alla nostra città che saranno effettuati presidi fissi e occasionali da parte di polizia e carabinieri anche nelle ore notturne. Al tempo stesso il prefetto ha ribadito la necessità di dotare l’area in questione di altri servizi supplementari di controllo e prevenzione, come l’installazione di un sistema di videosorveglianza. Proprio su quest’ultimo punto mi aspetto che la Direzione regionale delle Ferrovie dello Stato concordi al più presto sulla necessità di un incontro congiunto nel quale stabilire le modalità di intervento per rendere tranquilla e sicura l’area della stazione ferroviaria”.

“Fano, infatti – ha concluso il sindaco – non può più tollerare che si ripetano simili episodi di violenza in un luogo dove la gente ci vive e ci lavora”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>