Volley Pesaro, avvio choc e grande reazione con la giovane Bordignon. Un muro di Sestini firma il successo a San Giustino. Preoccupa un infortunio a Babbi

di 

19 ottobre 2014

SAN GIUSTINO VOLLEY – VOLLEY PESARO 1-3
SAN GIUSTINO VOLLEY
: Rocchi (L: ricezioni 20, errori 1, positiva 75%, perfetta 15%), Fabbri (L2) ne, Ihnatsiuk 15 (7/14; 6 muri fatti), Marcacci 2 (2 battute vincenti), Ceppitelli 8 (6/15; 2 muri), Kus ne, Mautino 12 (9/31), Izzi 3 (2/21; 1 bv), Escher 10 (8/28; 1 bv; 1 muro), Barneschi 7 (6/19; 1 muro), Rosso, Bartolini ne. All. Brighigna
VOLLEY PESARO: Spadoni ne, Salvia 5 (3/10; 2 muri), Zannini (L: ricezioni 21, positiva 67%, perfetta 43%), Sestini 15 (10/24; 4 muri; 1 bv), Concetti (0/1), Di Iulio 3 (½; 1 bv; 1 muro), Battistelli (L: ricezioni 1, positiva 100%), Bellucci 12 (10/34; 2 muri; ricezioni 23, errori 3, positiva 78%, perfetta 39%), Battistoni, Bordignon 7 (6/16; 1 muro), Mezzasoma 16 (14/48; 1 bv; 1 muro), Babbi 6 (5/23; 1 bv). All. Bertini
ARBITRI: Verrascina e Gurgone
PARZIALI: 25-13; 21-25; 16-25; 23-25 in 112 minuti
STATISTICHE DI SQUADRA: San Giustino: battute 86, sbagliate 5, vincenti 8. Ricezioni 79, errori 5, positiva 54%, perfetta 24%. Attacchi 129, errori 15, muri subiti 10, punti 38, 29%. Muri fatti 12. Pesaro: battute 87, sbagliate 6, vincenti 5. Ricezioni 81, errori 8, positiva 65%, perfetta 31%. Attacchi 161, errori 13, muri subiti 12, punti 51, 32%. Muri fatti 10
NOTE: spettatori circa 500. Al seguito delle pesaresi un gruppo di immancabili Balusch

Preoccupa l’infortunio di Francesca Babbi, qui con Valentina Bellucci

Preoccupa l’infortunio di Francesca Babbi, qui con Valentina Bellucci

PESARO – Partenza con choc, arrivo con un grande sorriso, anche se preoccupa un infortunio – “speriamo piccolo” racconta la co-presidente Barbara Rossi, sempre al seguito della sua squadra – a un ginocchio di Francesca Babbi.

Il Volley Pesaro torna da San Giustino, matricola che ha allestito una squadra interessante (e lo sarà ancor più quando recupererà l’infortunata Giulia Bartolini (in panchina solo per rispettare il regolamento, ma inutilizzabile) e soprattutto potrà contare sulla fortissima ed espertissima Tosti, oggi in attesa di diventare mamma), con tre punti preziosi. Intanto perché sono i primi della nuova stagione e perché strappati con una determinazione addirittura feroce. Una partenza choc, con il primo set perso a 13. Una grande reazione che portava al pareggio prima (21-25) e al vantaggio poi (16-25). E un momento difficilissimo nel quarto parziale, quando le umbre si portavano sul più 7 (12-5). La reazione arrivava con un grande turno al servizio di Isabella Di Iulio che propiziava il recupero (fino al meno 2), ma San Giustino fuggiva ancora, guadagnando 5 lunghezze (20-15). Bravissime le pesaresi, con Bertini che dava spazio alla giovane Bordignon, che rimpiazzava l’infortunata Babbi. La giovane – decisamente sfrontata – otteneva punti importanti, ma il sigillo finale era un grande muro di Diletta Sestini.

Ma cosa è successo nel primo set che è sembrato proporre una squadra finora mai vista, nel male, ovviamente? Lo racconta l’allenatore pesarese: “Forse si è pagata la tensione del debutto. Il nostro approccio non è stato dei migliori, ma allo stesso tempo è giusto dare merito alle nostre avversarie, che hanno battuto molto bene e fatto zero errori punto e hanno potuto contare sull’apporto di un pubblico molto caldo. Noi abbiamo fatto fatica su quasi tutti i fondamentali, a iniziare dal muro-difesa”.

Ottima la vostra reazione che ha ribaltato l’andamento della partita, tenendo anche presente l’infortunio di Babbi…
“Francesca ha subito un infortunio a un ginocchio, ma ha stretto i denti continuando a darci una mano. L’ho cambiata nel giro dietro, perché stava soffrendo in ricezione, utilizzando Battistelli. Nell’ultimo set ho fatto il cambio nel ruolo, dando spazio a Martina Bordignon, che ha giocato molto bene. Nel momento in cui stentavamo in attacco, lei ha messo in campo la sua sfrontatezza e con le sue qualità tecniche ha messo in difficoltà il muro avversario. E si tenga presente che San Giustino è una squadra alta che lavora bene al muro. Martina ci ha fatto respirare, battendo bene e tenendo in ricezione. La sua entrata in campo è risultata molto positiva. E conferma quanto ci siamo detti nelle ultime settimane: la nostra è una squadra che ha alternative in tutti i ruoli e ho la possibilità di fare giocare tante ragazze di buon livello”.

Un passo indietro: sul conto set in vostro favore, dopo avere dominato il terzo parziale, avete iniziato male il quarto, rischiando di andare al tie-break. Cosa è successo?
“Abbiamo allentato la pressione al servizio, e ci siamo innervositi perché l’attacco non funzionava bene. E di conseguenza non lavoravamo bene con il muro-difesa che ci aveva fatto vincere bene il secondo e terzo set. Sotto di 7 punti8, con l’acqua alla gola, abbiamo ritrovato coraggio, arrivando a meno due e mancando il meno uno. Abbiamo subito un altro break più per merito del loro muro che per nostro demerito. A quel punto abbiamo rischiato il tutto per tutto, sia in attacco sia in battuta, e abbiamo ritrovato il muro-difesa. Da lì è stato un continuo rincorrere fino al 22 pari. A quel punto siamo stati più cinici e un bel muro di Diletta ha chiuso la partita”.

Il Volley Pesaro riprende ad allenarsi martedì pomeriggio. Lunedì Francesca Babbi sarà visitata dal fisioterapista Gabriele Palucci.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>