A Sepang nelle libere sotto la pioggia Lorenzo è un delfino, Valentino una trota. Marquez atterra Iannone… Pedrosa ci aveva provato prima

di 

24 ottobre 2014

Non ci piace Sepang, è una pista che ci è sempre piaciuta poco e – da tre anni – ci piace meno ancora. Ci mancava solo che Marquez nel secondo turno, per errore o per altro, atterrasse Iannone riuscendo a fare quello che a Pedrosa non era riuscito un paio di tornate prima alla curva 14 e diciamolo subito senza girarci attorno: non vediamo l’ora che questo fine settimana malese finisca.

Però lì, a Sepang, si corre e bisogna adeguarsi alle bizze del meteo mentre a quelle dei piloti non ci adegueremo mai, anche se si chiamano Marquez e Pedrosa .

Oggi, prima del via delle libere MotoGp, solito temporale e prove posticipate.

Sic sempre nel cuore (fotografo Milagro)

Sic sempre nel cuore (fotografo Milagro)

Poi la pioggia cala e Lorenzo inizia il suo show: Jorge è un delfino, danza alla grande sull’asfalto viscido con la sua guida pulita e col suo assetto fluido.

E’ una spanna sopra tutti mentre Vale Rossi, in difficoltà, sembra una trota

.Una trota che fatica a risalire la corrente. Chiuderà il turno 15esimo, distante più di 3 secondi dal suo compagno di scuderia ma attenzione: la gara è domenica e Vale ama Sepang e, domani, troverà il giusto assetto ala sua M1.

Le previsioni meteo dicono che domenica alle ore 16 ( ora malese, le 9 di mattina in Italia) quando scatterà la MotoGp, pioverà.

Dietro a Lorenzo, per la cronaca, Marquez distante 0.242 da Jorge, quindi Pedrosa a una vita (+1.078) quarto Dovizioso con la Ducati.

Nel frattempo accade il fattaccio tenuto nascosto ( volutamente?) dalle telecamere della Dorna con Marquez che centra Iannone e lo abbatte. Il pilota di Vasto accusa un dolore al braccio sinistro, il suo manager Carlo Pernat accusa Marquez che poi va a scusarsi al box Pramac.

In Moto 3 un grande Nicco Antonelli davanti a tutti e quindi in pole provvisoria con la Ktm del team GO&FUN di Gresini che ha fatto felice Stfeano Riminucci, il suo capotecnico di Urbania, solo nono il suo compagno di scuderia Bastianini,. 14esimo Fenati che ha preceduto Masbou, 18esimo Migno, 19esimo Tonucci, 23° Locatelli, 25esimo Ferrari

Nella Moto 2 il più veloce è stato Rabat, primo degli italiani il riccionese Mattia Pasini, 14esimo, 20° tempo per il rientrante torinese Rolfo, 23esimo Baldassarri, 24esimo Morbidelli e si conclude con un doveroso, affettuoso e maiuscolo CIAO SIC.

Un commento to “A Sepang nelle libere sotto la pioggia Lorenzo è un delfino, Valentino una trota. Marquez atterra Iannone… Pedrosa ci aveva provato prima”

  1. smanettone scrive:

    Bruaco non le manda a dire… le scrive. E’ diverso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>