Urbino: anche le elezioni studentesche sono travagliate. Nessuna maggioranza in Consiglio, serviranno alleanze

di 

25 ottobre 2014

URBINO – Sembra nel destino elettorale della città ducale, almeno per questo 2014, avere delle elezioni… travagliate. Lo è stato per le primarie del locale Pd, lo è stato per le Comunali e ancora ballottaggio per l’elezione del nuovo Rettore. Niente ballottaggio per le elezioni studentesche, ma anche queste non sono andate lisce come l’olio.

Si è partito dall’esclusione di 3 liste di Agorà, DISTEVA, DISB e DIST per poi procedere con la riammissione e le grida di irregolarità da parte della lista 1506. Ma il “day after” ci fa capire che serviranno delle alleanze, visto che nessuno ha ottenuto la maggioranza in consiglio, non si può dunque eleggere il presidente del consiglio studentesco.

La lista con il maggior numero di eletti in consiglio è Agorà, e sempre Agorà si porta a casa il posto nel consiglio di amministrazione di Ersu con Sota Grent. Pareggio invece per il c.d.a. dell’Ateneo, un posto al rappresentante di 1506, Giuseppe de Lorenzo, e l’altro alla rappresentante di Agorà, Chiara Sisti. Anna Guerra e Francesco lo Briglio di Agorà e Martino Abbracciavento di 1506 saranno presenti nel Senato Accademico, mentre in 19 rappresenteranno i dipartimenti.

Agorà piazza 7 candidati: 1 nei dipartimenti di Disti, Disb, Desp, Discum, Disteva e 2 nel Dipsum.

5 per 1506: 1 nel Disbef, Distidue Disb 2 nel Desp.

Mentre 4 candidati di FuoriKorso nel Desp, Discum, Disteva, Disbef e 1 e 1 per Sapere Aude e Azione Universitaria al Digiur.

Ora si apre il totoscommesse per vedere le alleanze ed eleggere così il presidente del consiglio studentesco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>