La storia di una vita, la storia di Leandro Romani: Bottega, famiglia, ciclismo e… il Musichiere. Le foto

di 

26 ottobre 2014

Semplice. Appassionato. Legato da sempre al ciclismo e, ovviamente, alla sua famiglia. E’ “La storia di una vita”, quella di Leandro Romani, diventata un libro e presentato, domenica, al Bocciodromo di Morciola.  Presenti più di 100 persone, comprese diverse autorità politiche locali (dal sindaco Ucchielli agli assessori comunali), il presidente del Consiglio Regionali Solazzi, il presidente della federazione ciclistica marchigiana, tutti i familiari e molti concittadini di Romani. Il sindaco Ucchielli lo ha ringraziato per tutto quello che ha fatto e non solo per il ciclismo. Solazzi, parlando di Romani, ha individuato un punto di riferimento ed esempio per una nuova società con valori semplici come la famiglia, l’amore per il proprio territorio, determinazione e passione per lo sport.

Il libro di Romani, un vortice di ricordi personali e storia locale, con la passione a rilegare le ogni pagina, è stato presentato in power point per abbinare alle parole le immagini dei momenti più importanti di un’intera vita: la Bottega degli anni ’30,  la planimetria del paese di allora, i luoghi dell’infanzia ma anche della seconda guerra mondiale (con la citazione dello scoppio della vicina Montecchio), la Linea Gotica e le difficoltà affrontate durante quel periodo, dalla fame alla paura. Ma nel libro di Romani si parla ovviamente anche degli affetti, del fidanzamento e matrimonio con la moglie Adriana e dei loro tre figli, Maria Amalia, Franco e Gabriella, e la chicca della partecipazione al programma Rai  “Il Musichiere”,  il 14 marzo del 1959. Leandro Romani arrivò secondo vincendo 100 mila lire che, all’epoca, fecero molto comodo per mantenere i tre figli. Infine, molte pagine raccontano tutto quello che Romani ha fatto per il ciclismo marchigiano, la sua grande passione.

Per l’acquisto del libro si può contattare lo 0721 497614.

LE FOTO:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>