“Luce Materia”: tavola rotonda col pronipote di Giovanni Pascoli

di 

29 ottobre 2014

PESARO – Venerdì 31 ottobre alle ore 17, nella sala del Consiglio comunale, si terrà la tavola rotonda sul tema “Luce Materia’’, a conclusione del ciclo di conferenze dal titolo “La luce nel cinema, musica, pittura, poesia, fotografia e psicologia’’ a cura di Paolo Montanari. L’evento è organizzato dall’assessorato alla Bellezza del Comune di Pesaro, la Fondazione Marche Cinema, l’Assonautica di Pesaro e Urbino e l’Università agli Studi Carlo Bo di Urbino. Enti patrocinatori, l’Arcidiocesi di Pesaro, la RUFA (Rome University of Fine Arts), il settimanale il Nuovo Amico, il conservatorio statale G.Rossini, l’associazione culturale Pegasus e la Pro Loco di Candelara.

Luce-Materia è una dicotomia che può spaziare in varie arti e in sconfinati campi del sapere. Per questo motivo saranno dieci prestigiosi relatori, coordinati dal giornalista e storico del cinema Paolo Montanari, a presentare le loro riflessioni su questo tema, che può andare dalla filosofia e teologia alle scienze esatte, privilegiando le arti visive come il cinema, la fotografia, la pittura, la scultura, ma non trascurando il teatro che per Ludovico Ragghianti deve essere l’altero ego della Settima Arte. Saranno presenti Silvia Cuppini, docente di Storia dell’Arte Contemporanea dell’Università di Urbino e critico d’arte fra le più esperte a livello nazionale; Leonardo Nobili, scultore, artista a trecento sessanta gradi che presenterà per l’occasione tre video d’arte sperimentali; Alex Pascoli, pronipote del grande poeta Giovanni Pascoli, attore di teatro, cinema e televisione.

Alex Pascoli, pronipote di Giovanni Pascoli

Alex Pascoli, pronipote di Giovanni Pascoli

Di Pascoli ricordiamo la sua partecipazione al Teatro Azione sotto la direzione di Cristiano Censi e Isabella Del Bianco e la prosecuzione della sua attività artistica londinese con il debutto sempre in teatro con il Riccardo III, Otello e The Winter’s Tale. La sua carriera si sussegue con premi e riconoscimenti internazionali, con Il premio “Alberto Sordi’’ nel National Actor’s Contest in partecipazioni televisive per Rai 1,Canale 5 e Italia 1. Molto importante è l’esperienza teatrale con “la Comunità’’ Theatrical Company diretta da Giancarlo Sepe. Importante la sua partecipazione in lavori teatrali di Pasolini e Brecht e nel “Wozzeck’’ di Berg all’Opera di Roma. Fra le ultime esperienze cinematografiche di Alex Pascoli, ricordiamo: “IL TEMPO CHE TIENE’’, per la regia di F. Marino, dove ha interpretato Flavio Bucci da giovane, “ROMA CRIMINALE’’, per la regia di G.Petrazzi, “COME IL VENTO’’, per la regia di Marco Simon Puccioni, con Valeria Golino e Filippo Timi. Pascoli ha vinto anche un Nastro D’Argento nel 2012 con il cortometraggio “Uno studente di nome Alessandro’’, per la regia di Enzo de Camillis.

Presente anche Alessio Caruso, attore di cinema, teatro e televisione, di formazione teatrale alla Sorbonne Nouvelle e al Piccolo teatro di Milano. Fra le sue interpretazioni televisive più popolari: “Un medico in famiglia” per la regia di R.Leoni, “Arrivederci amore ciao” per la regia di Michele Soavi, “Distretto di Polizia”, di Antonello Grimaldi, “Carabinieri” di D. Mertis, “Incantesimo” realizzato da Alessandro Cane e Leandro Castellani, “Un posto al sole” di Davide Carnacina. Per il cinema, “Il ciclone” di Leonardo Pieraccioni, “Ama il tuo nemico’’ di Damiano Damiani, “Via Poma” di Roberto Faenza e il “Don Chisciotte” di Maurizio Scaparro. In campo teatrale, Alessio Caruso, ha lavorato nell’allestimento di due capolavori di Leonardo Sciascia, “A ciascuno il suo” e “Il giorno della civetta”. Ha poi esteso le sue interpretazioni sotto la regia principalmente di Riccardo Cavallo, per le opere di Shakespeare, Pinter, Stefano Benni, Checov, Karen Blixen e “Le operette morali’’ di Giacomo Loepardi per la regia di Paolo Pasquini Klein.

Alessandro Bartolomeoli, scrittore di Fossombrone, che sta ottenendo un buon successo negli States, con il suo romanzo dedicato al “mostro di Firenze’’; Luigi Livi, docente del conservatorio di Pesaro, ormai noto per la sua didattica musicale che sta adottando per qualsiasi persona si voglia accostare a un brano musicale; Marco Mencoboni, direttore artistico dell’Ensemble “Cantar lontano”, che è un gruppo di prestigiosi cantanti e musicisti che ricercano autori sconosciuti; Giuliano Cardellini, poeta, artista e attore teatrale, che svolge una ricerca sperimentale e una denuncia sui mali che affliggono l’arte e la società; Roberto Recanatesi, uno dei più autorevoli fotografi marchigiani, dove il surrealismo si coniuga con la realtà storico-artistica dei nostri paesaggi; Roberto Danese, docente di Filologia Classica all’Università di Urbino e grande esperto di cinema.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>