Fano, DelVecchio (Udc): “Siamo alla frutta, blocco totale della spesa anche obbligatori”

di 

31 ottobre 2014

Davide Delvecchio*

 

Dopo tanti proclami, e l’approvazione delle linee guida che tracciano la proposta politica della maggioranza di sinistra della Giunta Seri, nessun atto amministrativo di rilievo viene portato alla attenzione dei cittadini e del Consiglio Comunale, che è costretto per dare vigore alla giunta di proporre una mozione sull’Urbanistica in Consiglio Comunale, ovvero, la maggioranza che fa una mozione alla maggioranza, assurdo.

Di cose strane né avevamo visto in politica, ma questa è veramente di cattivo gusto, mette in difficoltà il Sindaco Seri e la giunta, incapace anche di controbattere all’affronto subito dai propri consiglieri di maggioranza.

E mentre va in scena il teatrino della politica, un atto molto grave è perpetrato dalla giunta, il blocco totale della spesa anche quella obbligatoria.

Che cosa significa nel concreto?, significa che non sarà più pagato nessuno, in altre parole,

Una famiglia non riesce ad alimentare o per esempio ad acquistare il latte per i propri figli = non ci saranno contributi si devono arrangiare;

Ci sono anziani fragili e soli sostenuti dal Comune con il contributo affitto = ai proprietari non sarà pagato l’affitto con il rischio di vedere uno sfratto di un privato all’ente Comunale e un anziano in mezzo alla strada, ridicolo;

Ci sono disabili da assistere per le normali attività riabilitative o scolastiche= niente fondi si pagano da soli, se riusciranno, le prestazioni sempre garantite dal Comune di Fano, vergognoso;

Ci sono i Club Anziani che svolgono attività sociali meritorie, niente più fondi per sostenerli o Associazioni di Volontariato che collaborano con il Comune per i servizi essenziali, nessuno sarà sostenuto per portare avanti la loro attività;

Ci sono minori in stato di abbandono che il Comune di Fano deve assistere, neanche per loro ci sono soldi, non credo potrà attuare questo blocco di spesa obbligatoria ma così hanno scritto, inammissibile;

Ci sono le buche nelle strade bisogna programmare le asfaltature, niente da fare, tante promesse, ma ci terremo i crateri nelle strade, questo è il nuovo corso del decoro urbano della giunta.

I fondi Anticrisi, pochi 50.000,00 messi a bilancio, contro gli 130.000,00 + i 250.000,00 degli affitti dello scorso anno, neanche quelli saranno spedibili, bell’aiuto per i disoccupati, complimenti maggioranza.

E potrei continuare elencando tutte le partite di spesa presenti in bilancio che non saranno utilizzate, erogate, investite, insomma come già detto immobili, una giunta ferma al pit stop, in attesa, senza un segnale di vita propria.

E i cittadini costretti a pagare tasse enormi, in questi giorni è arrivata la TASI che la giunta ha elevato al massimo, che è il doppio di quello che si spendeva con l’IMU lo scorso anno, grazie giunta per questo regalo natalizio ai cittadini fanesi.

F.to Davide Delvecchio gruppo consiliare Insieme per Fano – UDC

Dopo tanti proclami, e l’approvazione delle linee guida che tracciano la proposta politica della maggioranza di sinistra della Giunta Seri, nessun atto amministrativo di rilievo viene portato alla attenzione dei cittadini e del Consiglio Comunale, che è costretto per dare vigore alla giunta di proporre una mozione sull’Urbanistica in Consiglio Comunale, ovvero, la maggioranza che fa una mozione alla maggioranza, assurdo.

Di cose strane né avevamo visto in politica, ma questa è veramente di cattivo gusto, mette in difficoltà il Sindaco Seri e la giunta, incapace anche di controbattere all’affronto subito dai propri consiglieri di maggioranza.

E mentre va in scena il teatrino della politica, un atto molto grave è perpetrato dalla giunta, il blocco totale della spesa anche quella obbligatoria.

Che cosa significa nel concreto?, significa che non sarà più pagato nessuno, in altre parole,

Una famiglia non riesce ad alimentare o per esempio ad acquistare il latte per i propri figli = non ci saranno contributi si devono arrangiare;

Ci sono anziani fragili e soli sostenuti dal Comune con il contributo affitto = ai proprietari non sarà pagato l’affitto con il rischio di vedere uno sfratto di un privato all’ente Comunale e un anziano in mezzo alla strada, ridicolo;

Ci sono disabili da assistere per le normali attività riabilitative o scolastiche= niente fondi si pagano da soli, se riusciranno, le prestazioni sempre garantite dal Comune di Fano, vergognoso;

Ci sono i Club Anziani che svolgono attività sociali meritorie, niente più fondi per sostenerli o Associazioni di Volontariato che collaborano con il Comune per i servizi essenziali, nessuno sarà sostenuto per portare avanti la loro attività;

Ci sono minori in stato di abbandono che il Comune di Fano deve assistere, neanche per loro ci sono soldi, non credo potrà attuare questo blocco di spesa obbligatoria ma così hanno scritto, inammissibile;

Ci sono le buche nelle strade bisogna programmare le asfaltature, niente da fare, tante promesse, ma ci terremo i crateri nelle strade, questo è il nuovo corso del decoro urbano della giunta.

I fondi Anticrisi, pochi 50.000,00 messi a bilancio, contro gli 130.000,00 + i 250.000,00 degli affitti dello scorso anno, neanche quelli saranno spedibili, bell’aiuto per i disoccupati, complimenti maggioranza.

E potrei continuare elencando tutte le partite di spesa presenti in bilancio che non saranno utilizzate, erogate, investite, insomma come già detto immobili, una giunta ferma al pit stop, in attesa, senza un segnale di vita propria.

E i cittadini costretti a pagare tasse enormi, in questi giorni è arrivata la TASI che la giunta ha elevato al massimo, che è il doppio di quello che si spendeva con l’IMU lo scorso anno, grazie giunta per questo regalo natalizio ai cittadini fanesi.

*Gruppo consiliare Insieme per Fano – UDC

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>