A fuoco il tetto di Scavolini: tante segnalazioni, tanta paura

di 

5 novembre 2014

PESARO – Come se andasse a fuoco un monumento di Pesaro. Perché le segnalazioni, questa mattina, sono state a decine. Automobilisti, camionisti, passanti: tutti hanno notato quel fumo nero e denso provenire dal tetto dell’azienda Scavolini, a Ginestreto, e tutti si sono sentiti in dovere di avvertire i vigili del fuoco per salvaguardare forse lo stato di una delle poche aziende che, in provincia, lavora e mantiene l’occupazione. E perché forse è ancora negli occhi di molti, direttamente e indirettamente, il rogo che una decina di giorni fa ha portato a Montecchio, alla Grassetti Mobili, a pochi chilometri di distanza da Scavolini, alla morte del titolare Sandro Grassetti.

Vigili del fuoco al lavoro sul tetto della Scavolini

Vigili del fuoco al lavoro sul tetto della Scavolini

Tanto fumo ma, fortunatamente, nulla di grave. E nessun ferito. La squadra dei vigili del fuoco, allertata alle 8.40 di questa mattina, è arrivata prontamente sul posto con tre mezzi ha subito circoscritto l’incendio nato dai lavori di copertura in catrame della parte terminale del tetto dell’azienda. Che prendendo fuoco ha però prodotto una coltre nera densa e alta, visibile dalla Montelabbatese ma, nel dettaglio, provocando danni decisamente inferiori rispetto a quello che si poteva pensare. La squadra, ancora sul posto, con un autobotte, ha la situazione sotto controllo.

Un commento to “A fuoco il tetto di Scavolini: tante segnalazioni, tanta paura”

  1. Giorgio scrive:

    E’ vero la Scavolini è un monumento e Walter è un grande imprendotore che in passato ha investito in tecnologia mentre alcuni supi colleghi…
    Signor Scavolini, per quel poco che conta Lei ha tutta la mia stima

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>