Volley Pesaro, domenica arriva l’Evoluzione Ostia, un gruppo giovane che ricorda la passata edizione della squadra di Bertini

di 

14 novembre 2014

PESARO – Archiviata la seconda amichevole con la Robur Tiboni Urbino, il Volley Pesaro deve dimenticare in fretta l’ennesimo successo – il quarto – contro altrettante formazioni di categoria superiore per rituffarsi nel campionato di serie B1. Una prassi consolidata, per fortuna, anzi per merito: del lavoro dell’allenatore e della testa delle ragazze. Altrimenti ci sarebbe da montarsi la testa e chiedere l’iscrizione in corsa quanto meno alla serie A2.

Scherzi a parte, non è facile passare da un successo, netto, a una partita sulla carta abbordabile.

Netto, perché le partite durano tre set, e il Volley Pesaro li ha vinti tutti, perdendo i successivi solo perché Urbino ha continuato a giocare con la formazione base, mentre Bertini ha ruotato le giocatrici, dando giustamente spazio a chi vede meno il campo.

Abbordabile, ma solo sulla carta, perché è indubbio che il Volley Pesaro sia superiore all’Evoluzione Ostia, non solo per gli 11 punti a 2 in classifica. Anche se non va dimenticato che nel quadrangolare di Serravalle di Chienti, a inizio ottobre, Pesaro perse (1-2: 25-19; 24-26; 8-15 in 46 minuti) con Ostia.

Attenzione, quindi, alla gioventù di una squadra che sembra la fotocopia del Volley Pesaro precedente. Se osservate la rosa a disposizione dell’allenatore Pietro Grechi capirete perché:

1 Roberta Di Romano, palleggiatrice, (18 anni)

2 Giulia Rocci, schiacciatrice, (19)

4 Nicoletta Cesari, centrale, (18)

5 Federica Ricci, libero, (17)

6 Federica Lamarte, libero, (23)

7 Milena Alessandrini, schiacciatrice, (17)

8 Diana Giometti, centrale, (18)

9 Martina Izworska, opposta, (17)

10 Maria Laura Patti, schiacciatrice, (27)

11 Lodovica Rossi, opposta, (22)

12 Giulia Visintini, centrale, (22)

13 Valentina Caracci, centrale, (17)

14 Ilaria Angelelli, palleggiatrice, (28)

16 Melisa Rrena, schiacciatrice, (19).

Ilaria Angelelli in maglia Chateau d’Ax Urbino

Ilaria Angelelli in maglia Chateau d’Ax Urbino

Una squadra dall’età media che ricorda, appunto, il Volley Pesaro 2013/14. Ciò comporta bassi, ma anche alti, perché le giovani – soprattutto quando non hanno niente da perdere e non sentono la pressione – possono disputare partite eccellenti. In più le ragazzine tirreniche hanno il conforto dell’esperienza di Ilaria Angelelli, l’anno scorso a Todi, ma un passato in A2 a Giaveno e in A1 nella Chateau d’Ax Urbino (2012/13), e di Maria Laura Patti, in A2 con la Sigel Marsala (2012/13).

Abbiamo letto, infatti, su Il Faro on line, quotidiano telematico del Mediterraneo, che “Il duo Colantonio-Arcieri, presidente e direttore sportivo, ha cercato di mettere a disposizione dell’allenatore Pietro Grechi, ben coadiuvato da Ivan Guzzo in qualità di assistente e preparatore atletico, un organico in grado di ben figurare. Alle riconfermate Rossi, Lamarte, Cesari, Di Romano, Alessandrini, alle giovani Ricci, Izworska e Caracci promosse dal settore giovanile, in regia si cimenterà la romana Ilaria Angelelli proveniente dal Todi, al centro Diana Giometti, anche lei romana, dal Novara e Giulia Visintini dal Desio Monza, a banda la siciliana Maria Laura Patti dal Marsala e la friulana DOC Melisa Rrena dal Martignacco Udine. L’Evoluzione Ostia sempre nella filosofia di investire sulle giovani oltre che promuovere alcune ragazze dal proprio settore giovanile, ha cercato di mettere a disposizione degli allenatori un gruppo con una media di età molto bassa ma di qualità per un futuro roseo, di avvenire”.

L’Evoluzione Ostia, penultima in classifica, ha esordito a Trevi, perdendo 3-0. Il debutto in casa con Todi ha portato la seconda sconfitta (0-3). Poi ancora una trasferta in Umbria, a San Giustino, in occasione del debutto in B1 di Mirka Francia, ed è stata ancora una battuta d’arresto, anche se le laziali hanno avuto una palla per chiudere il primo set, perso 28-26. Anche la quarta giornata, giocata in casa con la Fortitudo Città di Rieti, sembrava foriera di notizie negative per le ragazze di Grechi, che sono andate sotto di due set (23-25; 19-25), ma con un’entusiasmante rimonta (25-21; 25-19) hanno guadagnato il tie-break, vinto 15-12. Coni primi punti della stagione è tornato il sorriso. “Abbiamo vinto – ha commentato Grechi -, ma potevamo soffrire di meno. E’ pur vero che venivamo da cocenti delusioni perché non ci riusciva nulla, avevamo troppo l’apprensione alla gara, ora speriamo di averla superata, domenica ci aspetta un impegno per nulla facile, ma dalle mie ragazze voglio un segno della loro crescita, solo così potremo affrontare le prossime partite con serenità”.

Con Rieti, come a San Giustino, Ostia ha cominciato con Angelelli in palleggio e Rossi in opposto, Giometti e Cesari al centro, Patti e Rrena a banda, libero Lamarte, nel corso della contesa entreranno Visintini e Rocci. Età media, “malgrado” i 27 di Angelelli e Patti, inferiore ai 22 anni.

Certo è che, in attesa della trasferta di sabato 22 novembre a Perugia, terza consecutiva in Umbria, in casa di rivali di alto livello, la quinta giornata di campionato potrebbe consentire a Salvia e compagne di approfittare di alcuni scontri diretti che vedono impegnate le dirette inseguitrici.

Questo il programma completo:

Sabato 15:

ore 16: Proger V. Friends Roma – Re-Hash Pagliare

ore 17: Todi Volley – Idea Volley Bologna

ore 18: CS San Michele Firenze – Volleyrò Casal de’ Pazzi

ore 18: Fortitudo Città di Rieti – Zambelli Orvieto

ore 18,30: Lucky Wind Trevi – Dilucca Nottolini Capannori

Domenica 16:

ore 17: VOLLEY PESARO – Evoluzione Ostia

ore 18: San Giustino – Gecom Security Perugia

Questa la classifica:

PESARO 11

Casal de’ Pazzi 10

Perugia, Bologna e Firenze 9

Orvieto e Todi 7

Capannori 5

Pagliare, Rieti e Trevi 4

San Giustino 3

Ostia 2

Proger 0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>