Non salta il Banco: Sassari troppo forte per la Vuelle

di 

17 novembre 2014

BANCO DI SARDEGNA SASSARI – CONSULTINVEST PESARO 92-64
BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Logan 13, Sosa 11, Sanders 27, DeVecchi 11, Lawal 2, Chessa 8, Dyson 3, Sacchetti B. 0, Vanuzzo 0, Brooks 3, Todic 5. Merella 0, All. Sacchetti R.
CONSULTINVEST PESARO: Williams 3, Ross 22, Myles ne, Basile 0, Musso 10, Raspino 6, Judge 9, Crow ne, Reddic 14, Tortù 0. All. Dell’Agnello
ARBITRI: Paternicò, Vicino, Aronne
PARZIALI: 24-13, 21-18, 21-18, 26-15

La Vuelle a Sassari in diretta tv su Rai Sport 1

La Vuelle a Sassari in diretta tv su Rai Sport 1

SASSARI – Nessuna sorpresa nel posticipo della sesta giornata con la capolista Sassari che rifila 28 punti (92-64) alla Consultinvest, troppo inferiore tecnicamente all’avversaria per impensierirla. Poco da salvare per Pesaro al di là della solita prestazione double face di Ross e qualche lampo di Reddic e Musso. Per Sassari in evidenza Sanders ma tutto il Banco si è divertito con 47 tiri da tre presi di cui 18 messi a segno.

Pesaro deve fare a meno di Crow, sulla via del recupero ma non ancora disponibile, e di Myles, a riposo precauzionale per un risentimento all’adduttore, e nello starting five ci sono Musso e Reddic insieme a Judge, Ross e Williams, i primi due punti del match arrivano per merito di Reddic grazie ad un bella conclusione dai quattro metri in un inizio di partita che vede la Vuelle sprecare diversi tiri non contestati, Ross dalla lunetta mantiene la Consultinvest avanti sul 7 a 3 con Sassari che punisce dall’arco le numerose disattenzioni della difesa pesarese con la seconda tripla della serata (9-6 al 5’), il Banco corre appena possibile mettendo per la prima volta il naso avanti grazie a Sanders sul 10 a 9 e con una tripla da sette metri di Dyson prova a scappare, anche perché Ross si fa fischiare due falli evitabilissimi in attacco costringendo coach Dell’Agnello a chiamare timeout sul 15 a 11 casalingo, entra Raspino sul parquet in una Vuelle che si schiera a zona e inserisce anche Tortù per dare qualche minuto di riposo a Judge, Pesaro non segna più e il parziale a favore di Sassari comincia a essere di quelli pesanti (10 a 0) e ci vuole un’azione sulla linea di fondo di un positivo Reddic per muovere il tabellone della Victoria Libertas, il Banco senza grossi sforzi, sfruttando l’ottima percentuale dalla lunetta, chiude in vantaggio il primo quarto col punteggio di 24 a 13.

Pesaro riparte dalla zona, arma a doppio taglio contro una squadra micidiale dai 6.75 come Sassari e sulla tripla del 30 a 13. Dell’Agnello ci ripensa riproponendo la difesa individuale, l’attacco pesarese sbaglia parecchie scelte, sprecando diverse occasioni per muovere il punteggio che si sblocca solamente grazie ad un canestro dai quattro metri di Raspino, il ritorno di Ross sul parquet permette alla Vuelle di variare le proprie soluzioni offensive, ma il terzo fallo di un ingenuo Judge non aiuta a contenere i lunghi sassaresi che fanno quello che vogliono sotto i tabelloni , LaQuinton arriva in doppia cifra con la tripla del 24 a 35 e dopo 17 minuti arriva anche il primo punto di uno spaesato Wiliams, completamente fuori partita finora, Sanders (18 punti) si diverte nel punire la difesa allegra pesarese con due triple consecutive per il 43 a 25 e dopo cinque errori arrivano anche i primi tre punti di un impreciso capitan Musso e il primo tempo si chiude con i padroni di casa agevolmente avanti sul 45 a 31.

Le statistiche di metà partita evidenziano il dominio del Banco di Sardegna con un valutazione che recita 59 a 24, nonostante i 26 rimbalzi a 22 catturati dalla Vuelle che paga la cattiva percentuale dal campo e le 10 palle perse.

Si riparte con Basile in cabina di regia, con panchina punitiva per Williams dopo il pessimo primo tempo, Musso e Raspino riportano a meno 10 la Vuelle, con Sacchetti che chiama timeout dopo appena 52 secondi di gioco, ma Sanders continua ad essere un rebus irrisolvibile per la Vuelle e il suo 22esimo punto riporta il Banco sul più 15 (50-35), la zona pesarese viene bucata da due triple consecutive con Sassari che continua nel suo corri e tira spettacolare tanto caro a coach Sacchetti, la Consultinvest si mantiene a galla grazie a qualche bella conclusione di Reddic e Judge in una fase del match giocato a cento all’ora dalle due squadre con tanti palloni persi anche in maniera banale, Ross trova qualche punto alla sua maniera e alla fine del terzo periodo i padroni di casa conducono per 66 a 49.

Anche nell’ultimo quarto il copione del match non cambia con Sassari che continua a tirare indisturbata dall’arco e Pesaro che fatica a trovare canestri facili, tre triple consecutive fanno volare il Banco al massimo vantaggio (76-51) in una partita ormai segnata e non poteva essere altrimenti vista la disparità delle forze in campo, la coppia di playmaker biancorossi non riesce a dare sicurezza ad un attacco che non riesce più a procurarsi un tiro pulito e un tiro dall’angolo di Raspino che prende la parte alta del tabellone è il segnale delle difficoltà di questa Consultinvest, Sosa porta i suoi al più 30 (81-51) e da adesso in poi si giocherà solamente per migliorare i tabellini personali, c’è ancora il tempo di vedere Williams non riuscire a superare in otto secondi la metà campo e Raspino non prendere neanche il ferro completamente libero e ci si avvia mestamente alla sirena finale che sancisce il netto successo del Banco di Sardegna col punteggio di 92-64.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>