Cartoceto dop, grande successo per il nuovo format della storica Mostra Mercato

di 

19 novembre 2014

CARTOCETO – Si è conclusa domenica scorsa con un grande successo di pubblico e di critica, la prima edizione di “Cartoceto Dop, il Festival” nuovo format della storica Mostra Mercato dell’Olio e dell’Oliva giunta alla sua 38^ edizione. La manifestazione organizzata dal Comune e dalla Pro Loco di Cartoceto da domenica 9 e nel weekend di venerdì 14 ha popolato tutti gli spazi del centro storico e invitato i visitatori a scoprire e a lasciarsi affascinare da una Cartoceto inaspettata e segreta.

I sommelier del Giardino di Bacco

I sommelier del Giardino di Bacco

In 4 giorni, 8 concerti, 9 mostre, quasi 80 artisti coinvolti, 7 punti ristoro tra degustazioni e osterie. Una macchina organizzativa che si è mossa su più piani per realizzare una kermesse in grado di coniugare le eccellenze enogastronomiche del territorio, nobilitando il suo elemento topico, l’olio Dop Cartoceto, con un corollario di attività culturali atte a generare un nuovo sistema di promozione turistica del territorio.

Migliaia di persone hanno raggiunto il borgo affollando le strade e le osterie in special modo nelle due domeniche del 9 e del 16. Dato il grosso afflusso di visitatori, i punti ristoro creati proprio per la manifestazione, sono rimasti aperti durante tutta la settimana. Un percorso costruito ad hoc per svelare angoli e scorci spesso dimenticati eppure bellissimi e restituirli all’attenzione dei cartocetani e di tutti i turisti giunti per l’occasione.

“Siamo soddisfatti di questa prima edizione del festival, – sottolinea entusiasta il Sindaco Enrico Rossi – perché anche in una annata in cui la produzione dell’olio non è stata ottimale siamo riusciti a puntare i riflettori sull’eccellenza della Dop, riscuotendo il plauso degli stessi produttori. Ancora tanta la strada da percorrere ma siamo convinti di aver iniziato a costruire la giusta strategia di promozione di Cartoceto. Si tratta di un primo evento di un piano strategico nuovo che intende portare alla ribalta nazionale e internazionale il brand Cartoceto, promuovendolo come contenitore culturale, enogastronomico e artistico. D’ora in poi, – spiega Rossi- ogni iniziativa turistico-culturale per Cartoceto, sarà una naturale declinazione di quel “Cartoceto Turismo, Meravigliosamente semplice” macrocontenitore di promozione del nostro territorio”.

Ma la manifestazione non ha solo posto in dialogo enogastronomia, arte, cultura e divertimento con l’impegno attivo di coinvolgere i più svariati target. Grande attenzione è stata infatti rivolta anche al mondo dei social e dei blogger attivando una collaborazione fitta con la community Instagram delle Marche e d’Italia e con alcuni dei food blogger della rete dell’Associazione Italiana Food Blogger.

In soli 20 giorni, la pagina Facebook di Cartoceto Turismo nata in occasione della kermesse, ha raggiunto più di 900 like, e il motore di ricerca di Google, nella stessa fascia di tempo ha raggiunto quasi 30mila risultati per la voce “Cartoceto Dop, il Festival”. Sono invece 24mila gli users di Twitter raggiunti dall’hashtag #CartocetoDop e sono oltre 433mila le volte che i post generati sono stati visualizzati dagli utenti della rete. Un risultato davvero inaspettato che ha contribuito a portare la manifestazione alla conoscenza di tantissimi giovani impegnati nel racconto fotografico del festival e nella sua condivisione.

Grande è poi l’interesse che la stampa ha riservato alla manifestazione. Una copertura totale della stampa locale, cartacea, online, radiofonica e televisiva, si è accompagnata con una sottolineatura regionale e nazionale di quelle che erano le componenti più interessanti delle iniziative in programma. Da Uno Mattina su Rai 1 al Tg3 itinerante, da Affari Italiani a Camper Life, dalla rubrica di Dove Agenda Viaggi a Plain Air Turismo Italia.

Nel bilancio del festival, tante le cose da annoverare. Dall’interesse della stampa a quello del mondo della rete, dalla risposta eccezionale in termini di pubblico interessato all’eccellenza agroalimentare della Dop Cartoceto a quello affascinato dalle bellezze del borgo antico e da uno dei suoi fiori all’occhiello, il Teatro del Trionfo. “Cartoceto Dop, il Festival” è stato infatti anche un contenitore in grado di puntare i riflettori su un gioiello sino ad oggi poco utilizzato e addirittura dimenticato come luogo di spettacolo. Riaperto ai concerti con i due appuntamenti domenicali, quelli con il Rossini Street Quartet e con il duo Daniele Di Bonaventura e Alfredo Laviano, il Teatro e gli spettacoli proposti dal Festival, sono stati in grado di catturare l’interesse di turisti provenienti da fuori regione realizzando, in entrambe le date domenicali, il sold out con applausi sfociati nella standing ovation.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>