“I combattimenti fra cani e cinghiali sono la punta di un fenomeno preoccupante”: interrogazione parlamentare di Ricciatti (Sel)

di 

19 novembre 2014

Lara Ricciatti

Lara Ricciatti, deputato di Sel (foto tratta da Facebook)

PESARO – “L’operazione del Corpo forestale dello Stato, che ha portato alla denuncia di sette persone per aver organizzato combattimenti clandestini tra cani e cinghiali, è la punta di un fenomeno preoccupante”. Lo afferma l’onorevole Lara Ricciatti di Sel che ha depositato oggi una interrogazione parlamentare per chiedere maggiori delucidazioni sulla triste vicenda emersa qualche giorno fa (rileggi l’articolo di pu24.it qua).

Da tempo diverse associazioni ambientaliste, che monitorano il fenomeno, sostengono, infatti, che i combattimenti tra animali in Italia sia un fenomeno in crescita sostenuta, dopo un periodo di relativa quiescenza. Complice la potenza della rete internet che permette una amplificazione senza confini di questa macabra e violenta pratica; complici, anche, gli interessi di diverse organizzazioni criminali, legate spesso a ‘ndrangheta e camorra, che gestiscono giri di scommesse sui combattimenti.

“Ho raccolto queste preoccupazioni – dichiara la deputata di Sel – non solo da un punto di vista umano, per un forte istinto di rabbia suscitato da questa forma di crudeltà gratuita, ma anche per capire quali attività criminali si celano dietro tali attività. Ho rivolto, pertanto, una interrogazione al ministro dell’Agricoltura – responsabile del Corpo forestale – e al ministro dell’Interno per capire che livello di monitoraggio stanno attivando su questo fenomeno e quali strumenti di contrasto intendono intraprendere”.

“Ho chiesto anche – conclude Ricciatti – di valutare l’opportunità di inasprire le sanzioni per i medici veterinari che prestano consapevolmente la propria attività professionale a supporto delle organizzazioni dedite alle attività di combattimenti clandestini tra animali, e per gli spettatori che prendono parte ai combattimenti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>