Scatta l’obbligo di indicare gli allergeni contenuti nei prodotti venduti, seminario Confcommercio

di 

19 novembre 2014

Latte, Uova, crostacei, arachidi, soia e cereali contenenti glutine. Cos’hanno in comune tutti questi prodotti? Possono provocare allergie o intolleranze. È bene dunque che chi ordina un primo o un dolce, acquista un panino o una brioche sappia se in esso sono contenuti allergeni o meno.

Per questo motivo il nuovo regolamento Ue impone dal prossimo 13 dicembre l’obbligo di indicare gli allergeni contenuti negli alimenti somministrati o venduti per asporto. Una rivoluzione per i baristi, ristoratori, panifici, gastronomie che di fronte alla novità hanno reagito con una certa preoccupazione. Invece la Confcommercio provinciale vuol lanciare “un segnale distensivo”. E lo ha fatto in occasione del seminario sull’Etichettatura tenutosi presso la sede provinciale il 18 novembre scorso.
Dopo l’introduzione del Segretario Fipe Marco Arzeni, si è entrati nel vivo del seminario con l’intervento della dott.ssa Alessia Bramucci Andreani, referente del Centro Antinfortunistico Andreani che ha parlato della nuova normativa e ha illustrato le modalità di comunicazione degli allergeni alla clientela.

“Questa norma non deve spaventarci – dice il Segretario Arzeni -. Si tratta di una novità importante ed è certo che soprattutto all’inizio, con i mille dubbi che sono scaturiti dal Seminario stesso, si dovranno superare alcune difficoltà. Ma intendiamo rispettare il regolamento innanzitutto a tutela della nostra clientela che come sempre è il nostro bene più prezioso, ma cercando anche quella dovuta semplificazione tesa a salvaguardare il nostro saper fare che ci consenta di lavorare in assoluta tranquillità ”. In concreto, l’indicazione degli allergeni si allarga dai prodotti preconfezionati a ciò che è somministrato o venduto sfuso. I ristoratori, ad esempio, dovranno limitarsi ad indicare nel menu l’eventuale presenza di allergeni all’interno dei prodotti proposti. Insomma, “il consumatore deve esser messo in grado di valutare serenamente i cibi da comprare”. E in questo senso, sottolinea Arzeni, “Fipe-Confcommercio sempre in prima fila nel garantire ai propri clienti una scelta tranquilla e consapevole ha previsto, nel proprio Manuale di corretta prassi operativa validato dal Ministero della salute, una modalità semplificativa di comunicazione degli allergeni in relazione ai piatti contenuti nel menu.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>