Volley Pesaro imita Francesca Babbi che sa come si vince con Perugia

di 

19 novembre 2014

PESARO – Francesca Babbi sa come si fa. Che vuol dire come si vince a Perugia, dove è grande l’attesa per la sfida di sabato prossimo (ore 20,30). Prima, però, è doveroso fare i complimenti alla schiacciatrice ravennate per l’ennesima buona prestazione con Ostia, concretizzata con il 54 per cento offensivo, 1 ace e 1 muro, tanta difesa ed eccellente lavoro in ricezione.

“Grazie”.

Avete iniziato benissimo, mostrando il blasone della capolista e impedendo che Ostia potesse fare cattivi pensieri.

“Siamo partite a mille perché volevamo stabilire subito chi fosse la più forte. In queste partite il rischio è di giocare a un livello più basso e poi andare in difficoltà. Invece, la nostra partenza positiva ha indirizzato la gara dove volevamo, dalla nostra parte”.

Ostia è una squadra giovane che può infiammarsi se le cose girano bene. Voi siete state brave nei due momenti di difficoltà: nel secondo set, passando dal 13-14 al 18-15 e poi volando a sul 25-19 con un parziale di 12 a 4. Nel terzo set quando avete subito la rimonta delle laziali che – sotto 17-10 – era arrivate a un punto (19-18). In un attimo è arrivato il 6-1 che ha chiuso la gara.

“Le squadre che puntano all’alta classifica devono cambiare marcia dal 15 in poi. Le formazioni più giovani fanno più fatica perché man mano che s’avvicina la fine del set aumenta la paura”.

Archiviata la quinta vittoria, siete attese da due impegni non facili: Perugia in trasferta, Casal de’ Pazzi in casa.

“Perugia è una bella squadra. Io l’ho affrontata anche l’anno scorso nel playoff per la promozione in A2. Giocare al PalaEvangelisti non è mai facile, anche perché le perugine difendono bene. Ma se noi riusciamo a sviluppare il nostro gioco, avremo soddisfazioni anche a Perugia”.

Dove, Francesca, con la maglia della Volalto Caserta, ha vinto due volte nei playoff 2013/14. La seconda volta al termine di una partita incredibile. Accadde infatti che le campane s’imposero in gara 1, a Perugia, con un secco 3-0. Le umbre furono bravissime a pareggiare il conto espugnando Caserta (3-1) e guadagnando il diritto a giocare la bella in casa. Perugia vinse il primo set (25-16), Caserta s’impose nel secondo (26-28). Ancora Perugia avanti nel terzo (25-22), Babbi e compagne nel quarto (19-25). Il tie-break fu un attacco alle coronarie dei presenti, in campo e sugli spalti. Caserta sopra di tre (2-5), Perugia rimonta con un parziale di 12 a 5. Avanti 14-10, le umbre ebbero quattro palle a disposizione per passare il turno e accedere alla finale per la promozione in A2. Tutte annullate dalle ospiti, trascinate da Kostadinova (25 punti) e Babbi (17). Il 6 a 0 finale gelò il palasport perugino, a vincere 16-14 fu Caserta. Ecco perché Francesca sa come si fa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>