I sindacati di polizia: “Anche Fano ha diritto alla sicurezza”

di 

21 novembre 2014

Marco Lanzi e Paolo Canti*

FANO – Il 18 novembre il Ministero dell’Interno ha trasmesso ai sindacati una bozza di decreto che prevede l’elevazione a livello dirigenziale di un Commissariato e di due Sezioni della Polizia Stradale. Questo decreto riguarda anche la nostra provincia ma, purtroppo, in senso diametralmente opposto: si prospetta il declassamento della Sezione Polizia Stradale di Pesaro e nessun potenziamento è previsto per il Commissariato di Fano.

Altresì, lo scorso 6 novembre il Dipartimento ha presentato nuovamente ai sindacati di polizia un progetto di razionalizzazione di alcuni presidi che include l’accorpamento del Distaccamento Polizia Stradale di Fano alla vicina Sottosezione autostradale. Di fatto, tale operazione ne decreterebbe la chiusura sopprimendo una media di 50 pattuglie mensili e sottraendo ben 10 operatori alla vigilanza e controllo delle strade della nostra provincia.

Il fatto incomprensibile e inaccettabile è che tale decisione ignora completamente il parere delle massime autorità istituzionali in tema di ordine e sicurezza pubblica della nostra provincia: il Prefetto e il Questore.

In data 7 marzo 2014, il Prefetto, in piena sintonia con il Questore, ha inviato un parere al nostro Dipartimento con il quale si esprime “una valutazione favorevole al mantenimento del Distaccamento Polizia Stradale di Fano nell’attuale collocazione logistica”.

A tale valutazione il Prefetto e il Questore pervengono con argomenti oggettivi e circostanziati:

• dall’11 novembre 2011 il Distaccamento non occupa più un immobile di proprietà privata ma è stato accorpato al locale Commissariato, realizzando un risparmio di spesa di 35.119 euro annue;

• altresì l’accorpamento presso la Sottosezione autostradale comporterebbe un aggravio di oneri per garantire alcuni “benefit” relativi alla fruizione di pasti presso Ristoranti convenzionati, in quanto la Sottosezione è una sede disagiata, senza produrre alcun vantaggio in termini di risparmio per locazioni passive;

• infine, l’allocazione del distaccamento di Fano all’interno dell’immobile ove ha sede il Commissariato è stata la conseguenza di una decisione maturata nel corso degli anni e condivisa con lo stesso Ministero, “permettendo di coniugare un considerevole risparmio di spesa con l’esigenza di assicurare un presidio operativo insostituibile in termini di prevenzione e controllo del territorio della terza città delle Marche (60.000 abitanti) garantendo la sicurezza ai cittadini che è da sempre richiesta”.

Alle precise e chiare valutazioni dei nostri vertici locali aggiungiamo che l’accorpamento del Distaccamento di Fano alla Sottosezione Autostradale implica che tutto il personale sarà esclusivamente utilizzato in servizi specifici e operativi in ambito autostradale.

In questo modo, tutto il territorio di Fano e un tratto importante della Statale Adriatica sarebbero privati del presidio e del controllo della Polizia Stradale.

Com’è possibile che il nostro Dipartimento ignori non solo le nostre grida di allarme ma anche concreti, circostanziati e sensati pareri dei suoi massimi rappresentanti a livello provinciale?

Com’è possibile che, nel nome della “spending review”, si portino avanti progetti che anziché ridurre aumentano le spese, sacrificando per di più la sicurezza di un intero territorio?

Chiediamo che anche da parte degli amministratori politici locali e delle varie componenti della società civile interessate a garantire la sicurezza della nostra provincia siano attivate iniziative finalizzate a salvare un presidio importante come il Distaccamento Polstrada di Fano.

*Segretario Provinciale SIULP e segretario provinciale CONSAP

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>