“Si muore quando si è lasciati soli”: a Fano conferenza con Pippo Giordano, ex ispettore di polizia che collaborò con Falcone e Borsellino

di 

21 novembre 2014

Conferenza "Si muore quando si è lasciati soli"

Conferenza “Si muore quando si è lasciati soli”

FANO – La Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore – Sezione di Fano è lieta di invitare alla conferenza di lunedì 24 novembre alla Sala della Concordia del Comune di Fano alle ore 17,30 “Si muore quando si è lasciati soli” (Giovanni Falcone), sottotitolo: “Dalle stragi degli anni ’80 e ’90 ai tanti Consigli comunali che recentemente hanno deliberato solidarietà ai giudici di Palermo: come è cambiato l’atteggiamento di Forza dell’ordine e società civile sul tema delle mafie”.

L’incontro si svolge con il patrocinio e la collaborazione dell’assessorato alla Legalità del Comune di Fano. Presenta l’incontro Ettore Marini, responsabile sezione di Fano della FONDAZIONE ANGELO VASSALLO SINDACO PESCATORE.

Dopo i saluti dell’assessore alla Legalità, Samuele Mascarin, interverranno gli ospiti Pippo Giordano e Silio Bozzi.

A parlare della Palermo degli anni ’80 ci sarà  l’ex ispettore della Polizia di Stato, ora in pensione, Giuseppe “Pippo” Giordano, il quale, avendo prestato servizio alla Squadra Mobile di Palermo insieme ai commissari Beppe Montana e Ninni Cassarà, agli ordini del giudice Giovanni Falcone, e successivamente presso la D.I.A. – Direzione Investigativa Antimafia, dove ebbe modo di partecipare agli interrogatori del pentito Mutolo con il giudice Paolo Borsellino, darà una testimonianza di alto valore civile sulle vicende che portarono quei servitori dello Stato a sacrificare la propria vita nella lotta alla mafia.

Pippo Giordano parlerà anche del processo sulla Trattativa Stato-Mafia, con gli ultimi sviluppi delle minacce di morte sempre più attuali al pm. Nino Di Matteo (da cui anche il titolo del convegno).

Il dr. Silio Bozzi, vicequestore e dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza  di Fano, parlerà dell’attualità, di come e con quali tecniche viene combattuta la criminalità organizzata oggi, e quali sono le differenze con 20 anni fa.

Seguiranno domande dal pubblico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>