Formula 1, ad Abu Dhabi l’ultimo atto della sfida Hamilton-Rosberg

di 

22 novembre 2014

Mercedes GP F1

Hamilton e Rosberg (foto Paul Gilham/Getty Images tratta dal web)

Ancora Rosberg alla sua 11esima pole position stagionale, il tedesco della Mercedes “re del sabato” precede il compagno Hamilton nell’ennesima prima fila tutta d’ “argento”. Ma il tema principale di quest’ultimo appuntamento del 2014 è: riuscirà Rosberg nell’ardua impresa di strappare l’ormai “certo” scettro a Lewis Hamilton? L’inglese è notevolmente avvantaggiato,gli basta un secondo posto nonostante il punteggio doppio di quest’ultima gara, Rosberg approfittando della pole può solo provare ad impostare la gara, confidando in qualche “imprevisto” alla Mercedes del compagno o sperare in un inserimento fra lui e Hamilton da parte delle due Williams di Bottas e Massa,che occupano la seconda fila. Nonostante la competitività delle “bianche” di Sir Frank, per Rosberg la situazione appare più che complicata, ma in F.1 tutto può succedere, vedremo domani se il circuito di Yas Marina riserverà qualche sorpresa come ha già fatto in passato.

In casa Ferrari ancora un passo indietro, Alonso decimo dietro al compagno Raikkonen, vedremo se lascerà la Rossa con uno dei suoi miracoli, scordiamoci il podio ma almeno un piazzamento fra i primi cinque, massimo risultato utile possibile quest’anno per la F14T. Le due Red Bull monopolizzano la terza fila con Ricciardo davanti al “ferrarista” Vettel, poi un fantastico Kvyat, che sostituirà il pluricampione tedesco, il giovane russo vuole dimostrare di meritarsi il passaggio dalla Toro Rosso alla “prima” squadra delle “ lattine volanti”, Button con la McLaren in attesa di Alonso e del motore Honda, completa la top ten. Domani ultimo giorno di “scuola” vedremo i risultati di un anno dove se non bocciata è almeno rimandata la “nuova” F.1 tecnicamente deludente, stesso discorso per lo spettacolo salvato solo in alcuni casi da qualche bagarre, senz’altro promossa la Mercedes ed i suoi piloti, entrambi da dieci,uno dei due con “lode”. Fra i promossi Daniel Ricciardo vincitore di tre gran premi, oltre ad aver offuscato il mito del compagno Vettel, altro promosso Valtteri Bottas e la Williams, sufficienza anche Massa,così come per il russo Kvyat. Bocciata la Ferrari, che ha raccolto solo qualche sufficienza con il suo “alunno” migliore Alonso. Chiudiamo con la notizia “bomba” circolata nelle ultime ore nei box di Yas Marina, ovvero il clamoroso ritorno di Ross Brown in Ferrari al posto di Marco Mattiacci, i commenti su questa voce li faremo nei prossimi giorni, vera o no la notizia,, resta il fatto che la Ferrari quest’anno è stata al centro dell’attenzione per gli avvicendamenti e licenziamenti, forse a Maranello (e a Torino) si sono scordati che la Ferrari oltre ad essere un’azienda è una macchina da corsa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>