Vis, cambia musica a Castelfidardo. Le ultimissime

di 

22 novembre 2014

PESARO – Non sarà un semplice derby quella tra Castelfidardo e Vis Pesaro, in programma questa domenica, alle 14.30, al “Mancini”. Tra Vis (senza vittorie in queste prime 11 giornate) e Castello (senza vittorie da 7 turni, dopo gli 8 punti ottenuti nelle prime quattro partite) sarà uno scontro salvezza in cui i pesaresi, dopo aver raccolto le briciole contro le big, dovranno testare la tenuta psico-fisica contro una diretta concorrente per la permanenza in D.

La speranza di tutti, compresi gli Ultras 1898 che in settimana hanno richiamato all’orgoglio una città come Pesaro da 100 mila abitanti, è che la Vis possa sbloccarsi e tornare a una vittoria che manca dallo scorso aprile in attesa che, nei prossimi giorni, forse ancora prima della riapertura del mercato il primo dicembre, la società possa ingaggiare qualche rinforzo.

Federico Rossini contende un pallone a un anconetano davanti agli occhi di Bottazzo

Federico Rossini contende un pallone. Sarà lui il vice Bugaro a Castelfidardo?

La Vis ci arriva con diversi punti interrogativi: assente Bugaro per squalifica, in forte dubbio Teodorani, Zanigni, Vita e Rossini. Continuare con il 4-1-4-1 visto nelle ultime due uscite, tornare al 4-4-2 o variare in un 3-5-2 provato, a tratti, in settimana?

Il Castelfidardo, invece, non potrà contare a centrocampo sullo squalificato Carboni e ha Fermani con un problema al ginocchio.

Curiosi incroci: il Castelfidardo manca dalla D da 58 anni ma quest’anno ha la rosa con l’età media più alta (quasi 27 anni), la Vis che in D ormai è di casa da diverse stagioni e negli ultimi due campionati ha timbrato due quinti posti ha la rosa con l’età media più verde (20,79). Tanti ex o quasi in campo: da Urbinati, che nella Vis due anni fa fu chiuso da un infortunio in avviso di stagione e dalla concomitante esplosione di Torelli e Ridolfi, a Staffolani (31 anni) che nella Vis giocò negli anni belli della C1 collezionando 39 presenze e 5 reti, passando per Simoncelli, pesarese doc che nella Vis non ha mai giocato.

La Vis torna a giocare a Castelfidardo, città della fisarmonica, a 42 anni dall’ultima volta, dalla Promozione datata 1972-73 dove i biancorossi trionfarono vincendo contro il Castello sia all’andata che al ritorno (in totale: 4 vittorie per la Vis, 2 per i fidardensi).

“Non sappiamo che tipo di partita possa aver preparato il Pesaro ma sicuramente verrà a Castelfidardo con molta rabbia in corpo” – ha spiegato in settimana il dg  del Castelfidardo, Quagliardi – la nostra squadra come sempre proverà da subito a imporre il proprio gioco come chiede sempre il mister e di mettere in partita tutto ciò su cui i ragazzi si allenano in settimana. Molto dipenderà anche da quello che questa sfida ci riserverà ma certo non bisognerà aspettare l’avversario, faremo la nostra gara”.

 

Arbitrerà Pedretti di Brescia, un precedente con la Vis: Vis-San Nicolò 2-0 (Rossini, Cremona) del febbraio 2013.

POSSIBILE FORMAZIONE

VIS PESARO (4-1-4-1): Teodorani; Fabbri, Pangrazi, Brighi, G.Dominici; Pensalfine, Granaiola, Rossi, G.Torelli; Evacuo, De Iulis (Filippucci). All. Bonvini

ARBITRO: Pedretti di Brescia

Classifica Girone F

Maceratese 27
Civitanovese 24
Sambenedettese 24
Matelica 21
Campobasso 20
Alma Juventus Fano 19
Chieti 16
Jesina 16
Giulianova 15
Amiternina 14
San Nicolò 14
Recanatese 12
Castelfidardo 10
Fermana 8
Olympia Agnonese 8
Termoli 8
Celano Marsica 7
Vis Pesaro 5

 

Un commento to “Vis, cambia musica a Castelfidardo. Le ultimissime”

  1. sergio scrive:

    Teodorani non è convocato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>