Sapori e Aromi d’autunno al Codma: Marche Nostre, ecco i 5 premi

di 

23 novembre 2014

Le autorità presenti al Codma

Le autorità presenti al Codma

FANO – Anche quest’anno, Sapori e Aromi d’Autunno, ha voluto consegnare il Premio Marche Nostre a coloro che, sul territorio, si sono contraddistinti per la produzione di prodotti controllati, per l’innovazione delle scelte in campo agroalimentare, per la promozione dei prodotti locali e per la comunicazione dell’enogastronomia. Durante una cerimonia di apertura, cui hanno preso parte Sua Eminenza il Vescovo Trasarti, il Vice sindaco di Fano Stefano Marchegiani, il Presidente del Consiglio Comunale di Fano Renato Claudio Minardi, il Presidente di Olea Ettore Franca nonché il Presidente dei Viadanti dei Sapori Francesco Fragomeno e il responsabile della manifestazione Giorgio Sorcinelli, sono dunque stati consegnati ben cinque premi Marche Nostre: all’istituto comprensivo “Binotti” di Pergola, alla Pro Loco di San Lorenzo in Campo, al famoso pasticcere fanese Stefano Ceresani, al giornalista enogastronomo Alfredo Antonaros e al giornalista locale Massimo Foghetti.

1. ISTITUTO COMPRENSIVO “BINOTTI” PERGOLA

PER LE INNOVATIVE ATTIVITA’ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE ALIMENTARE CON IL PROGETTO “L’ORTO A SCUOLA” E L’INCENTIVO ALL’UTILIZZO DEI PRODOTTI NATURALI DELLA TERRA NELLA DIETA DEGLI ALUNNI.

L’idea di un orto biologico coltivato dai bambini, riconosciuto e certificato nasce all’Istituto comprensivo Binotti di Pergola ormai otto fa. Unico esempio nel suo genere sul territorio, i 250 bambini coinvolti nella coltivazione, proveniente da 12 diverse classi scolastiche elementari e medie, hanno a disposizione 2.000 mq di terreno divisi in quattro settori (cerali, foraggio, ortaggi e legumi). E la meraviglia non si ferma al lavoro nei campi, riconosciuto e certificato dagli organi preposti, ma finisce sulla loro tavola perché i prodotti della raccolta vengono utilizzati per la mensa scolastica e, dunque, finiscono direttamente nel piatto degli alunni stessi. Il cerchio dell’esperienza si chiude, per gli alunni, con il compostaggio: essendo una coltivazione certificata e non potendo utilizzare fertilizzanti, infatti, quello che resta nel piatto ogni giorno viene utilizzato per rendere fertile la terra. Nulla dunque è lasciato al caso.

2. STEFANO CERESANI

PER UNA VITA DEDICATA ALL’ARTE PASTICCERA E ALLE CREAZIONI DOLCIARIE DI FANO E DELLA REGIONE MARCHE

Stefano Ceresani inizia giovanissimo la professione di Pasticciere con quella passione che da allora non l’ha più abbandonato. Frequenta diversi corsi di specializzazione, nei vari settori della pasticceria e della gelateria, sia in Italia che all’estero. Dopo aver diretto alcune pasticcerie della zona, nel 1986 inizia l’attività in proprio, aprendo vari esercizi, attività che prosegue tuttora con Il Caffè del Pasticciere e dal febbraio di quest’anno, con Le Dolcezze del Pasticciere. Durante la

sua ormai lunga carriera lavorativa, ha conseguito svariati riconoscimenti ed attestati, tra cui il Gran Prix della Pasticceria, vinto a Bruxelles nel 2007, per la qualità delle sue produzioni e per la continua ricerca nel creare nuove specialità. Dal 2001, ininterrottamente fino ad oggi, il suo locale, “Il Caffè del Pasticciere”, è stato inserito nella Guida del Gambero Rosso per i pubblici esercizi, come miglior caffè della Provincia e delle Marche.

3. PRO LOCO DI SAN LORENZO IN CAMPO

PER LA VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA DELLE TRADIZIONI LOCALI E PER LA PROMOZIONE DEL CASTAGNOLO AL FARRO, RICONOSCIUTO COME “PRODOTTO TRADIZIONALE” DALLA REGIONE MARCHE.

La Pro Loco di San Lorenzo in Campo nasce il 26 dicembre 1967 per mano di un gruppo di laurentini interessati in prima persona alla valorizzazione del territorio. Nel corso degli anni ha organizzato eventi di vario genere, Ma la manifestazione più importante per il territorio è la Sagra del Castagnolo, arrivata alla 60esima edizione, attraverso la quale la Pro Loco è riuscita a dare importanza ad una delle migliori produzioni del territorio arrivando per fino a fare del castagnolo al farro uno dei “prodotti enogastronomici tradizionali della Regione Marche” con decreto 73/csi. Presentato per la prima volta nel 2009, il castagnolo al farro, unisce due prodotti tipici di San Lorenzo in Campo: il Castagnolo e il Farro

4. ALFREDO TARACCHINI ANTONAROS

PER UN’ESISTENZA AD UN APPASSIONATA E CORRETTA COMUNICAZIONE DELLA CULTURA E DELLE TRADIZIONI IN CUCINA E NELL’ALIMENTAZIONE MARCHIGIANA E ITALIANA.

Per molti anni direttore del Teatro Comunale di Imola, dal 2000 vive a Roma dove si occupa di comunicazione televisiva. Come saggista si è occupato per lungo tempo dell’evoluzione storica e del ruolo sociale e culturale della cucina e della alimentazione. Tra i suoi saggi la Storia universale del vino (Pendragon) e una storia della moneta italiana dalla prima lira all’euro (Pendragon). Dal 2009 collabora a programmi televisivi della Rai e di Radio Uno Rai.

5. MASSIMO FOGHETTI

PER UNA VITA DEIDICATA ALLA PASSIONE GIORNALISTICA E ALLA COMUNICAZIONE DI CRONACA, CULTURA ED ENOGASTRONOMIA DELLA VALLE DEL METAURO, DEL TERRITORIO FANESE E DELLA REGIONE MARCHE.

Componente della redazione di Radio Fano dal 1993, ha diretto in precedenza altri emittenti radiofoniche. E’ corrispondente del Corriere Adriatico dal 1986e ha pubblicato articoli su altri periodici di carattere locale. Giornalista pubblicista, ha svolto attività di addetto stampa per l’APT, per la stagione lirica, per l’Ente Carnevalesca e per altre manifestazioni culturali e musicali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>