L’allarme del Pd ducale: “La giunta Gambini taglia fondi al sociale e alle manifestazioni giovanili”

di 

27 novembre 2014

Maria Clara Muci e Piero Sestili, esponenti del Pd Urbino

Maria Clara Muci e Piero Sestili, esponenti del Pd Urbino

URBINO – Continuano gli incontri con la stampa pre Consiglio comunale del PD urbinate. In vista del Consiglio di questo venerdì la consigliera Maria Clara Muci e il capogruppo Piero Sestili hanno fatto il punto su interrogazioni e delibere.

Tra i temi caldi sicuramente il bilancio, bilancio di assestamento modificabile fino al 30 novembre prossimo. Poi quello consultivo a dicembre. “Il bilancio ci è arrivato con 5 giorni di anticipo, noi lo inviavamo almeno una settimana prima. Ci auguriamo che la giunta Gambini abbia avuto questo ritardo in quanto il bilancio è una bestia nera per tutti i Comuni, e non per non permetterci una chiara visione dei dati. Altrimenti sarebbe segnale di poca trasparenza”.

Dopo Sestili, a parlare di bilancio è Muci snocciolando i dati e mettendo in evidenza come i servizi sociali del comune abbiano subito tagli: “In un momento così difficile non capisco come si possano tagliare fondi al sociale e alle manifestazioni giovanili”. I segni meno che il già assessore al bilancio e alle politiche sociali Maria Clara Muci illustra riguardano dall’inserimento di disabili nelle apposite strutture, ad esempio meno 2.600 euro al centro diurno “Il Posto delle Viole”, così il contributo passa da 33.000€ a 30.400 euro, ai meno 3.000 euro nel fondo anticrisi che arriva a 7.000 o i 900 euro in bilancio per le associazioni che operano in campo sociale al quale fondo sono stati tolti contributi per 1.100 euro.

Il capogruppo in Consiglio comunale Piero Sestili tiene a precisare, anche a nome dei suoi consiglieri, che non è loro intenzione denunciare o condannare questi tagli, ma sollecitare l’attenzione della città.

Tema di grande attualità le Unioni Montane. Urbino entrerà a far parte assieme ad altri 6 comuni dell’Unione Montana dell’Alta Valle del Metauro; i Comuni aderenti sono stati chiamati a sottoscrivere lo statuto, condizione obbligatoria per aderire all’Unione, lo scorso 31 ottobre. Il Pd ducale ha presentato, congiuntamente col capogruppo della lista “Partecipare” di Fermignano Emanuele Feduzi, un’interrogazione all’ordine del giorno, priva di logo del partito, per la valutazione e revisione della carta statutaria per i tre anni successivi l’istituzione e la messa in atto di un principio di trasparenza. “Essendo un ente nuovo, più importante della Provincia, è necessario poter rivedere e valutare le situazioni in corso d’opera. E’ stato deciso di non inserire il nostro simbolo con la possibilità di coinvolgere l’intero Consiglio” spiega Sestili.

Il gruppo consigliare si interroga sul futuro della Galleria Nazionale della Regione Marche, dato che a Palazzo Ducale non è stato riconosciuto lo status di “museo di rilevante interesse nazionale”, né di prima e di seconda fascia (MIBACT); chiede quindi al vicesindaco e assessore Maria Francesca Crespini e all’assessore Vittorio Sgarbi se ci sono novità, e se sono state trovate o indicate soluzioni in quanto tempo fa l’assessore Crespini ha incontrato il ministro Dario Franceschini.

Tra le problematiche del centro storico c’è la ZTL che regolamenta il flusso di mezzi tra le mura e, secondo i consiglieri PD, l’estensione delle fasce orarie vanificherebbe gli effetti della ZTL stessa e lo smog provocherebbe gravi danni ai monumenti, venendo a meno ad uno degli obblighi UNESCO. Per questo chiedono al sindaco e all’assessore Vittorio Sgarbi come si intende proseguire nella gestione delle zone a traffico limitato.

Tra le delibere illustrate dal capogruppo Sestili, c’è una prima visione dei bilanci del Legato Albani e l’atto di cessione della piscina fratelli Cervi da parte di Urbino Servizi.

“Ho chiesto sia presente anche il presidente del Legato Albani, Pagnoni” dice Sestili, che continua: “Chiederemo quali sono le intenzioni rispetto la precedente amministrazione”.

Per quanto riguarda la piscina fratelli Cervi?  “Urbino Servizi chiede di rescindere il contratto, per il quale l’avrebbe in gestione fino al 2019 (affidatagli nel 2009), per problemi di budget in quando sembrerebbe che non ci stiano più dentro con le spese. La piscina che ha un ruolo importante per quanto riguarda la socializzazione e l’ausilio in quanto monte persone vi praticano riabilitazione. Vogliamo capire e trovare una possibile soluzione assieme, non lasciando la scelta alla sola giunta”.

Per quanto riguarda Santa Lucia, viene presentata al sindaco Gambini un’interpellanza per la messa in sicurezza del tratto pedonale, ora ampiamente frequentato da turisti e studenti, spesso provvisti di bagagli e di quello stradale per quanto riguarda via dei Morti, in quanto, in certe occasioni ci si potrebbe trovare davanti un nutrito gruppo di persone, rischiando così incidenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>