Sgarbi: “Non solo Urbino, il paesaggio del Montefeltro patrimonio Unesco”. Verdi, in appena 170 giorni programmate 5 mostre

di 

27 novembre 2014

URBINO – “È Urbino che mi dà la gloria e non il contrario”, Vittorio Sgarbi apre così la conferenza stampa dei Verdi, tenuta oggi al Collegio Raffaello. Sono passati appena 170 giorni dall’insediamento della nuova amministrazione comunale e ci sembra opportuno fare un piccolo bilancio della nostra attività.

Vi ricordate il “Patto con i cittadini” firmato lo scorso maggio da Vittorio Sgarbi con la comunità urbinate? Ecco, di quei 14 punti “ne abbiamo già concretizzati alcuni ed altri avranno la luce entro dicembre e i primi tre mesi del nuovo anno”.
È stato sottoscritto un protocollo d’intesa con Slow Food Marche, con il quale il Comune di Urbino entra a tutti gli effetti nel circuito di Slow Food col fine di organizzare una serie di eventi utili a promuovere la biodiversità agricola e allo stesso tempo valorizzare e tutelare le eccellenze del territorio.

Un momento della conferenza

Un momento della conferenza

“Abbiamo creato in Urbino un laboratorio interessante – sottolinea Vittorio Sgarbi – che dimostra come un’amministrazione è tale quando concretamente si adopera per fare di Urbino quello che è: la capitale del mondo. Quindi abbiamo organizzato in 170 giorni 5 mostre; infatti dal 5 Dicembre prossimo fino al 18 Gennaio, sarà esposta in anteprima mondiale un’opera di Leonardo da Vinci “Il ritratto di Bianca Sforza – La bella principessa”, capolavoro di proprietà del collezionista canadese Peter Silverman che è stato disponibile a prestarla e a permetterne il ritorno in Italia dopo 500 anni. Domani (oggi ndr) ho indetto una conferenza stampa di presentazione dell’evento a Roma presso la Camera dei Deputati, alla quale parteciperanno anche giornalisti internazionali, il tutto proprio per sdoganare Urbino dal provincialismo. Ce ne sarà un’altra sempre a Roma per presentare la mostra su Tonino Guerra. Infine – continua l’assessore dei Verdi – da Dicembre a Marzo, sono state programmate le mostre su “Pablo Picasso – Guernica”, “Domenico Tintoretto – L’Adorazione dei Magi”, “Amarcord – Tonino Guerra”, “Lorenzo Bonechi – L’attesa contemplativa” e “Rinascimente”.
“Si sta lavorando – aggiunge Gianluca Carrabs – insieme alla Regione e ai Partener privati, a partire da Oscar Farinetti, per trasformare la DATA nel “Palazzo delle Esposizioni”, dedicato non solo all’arte ma anche a un percorso sensoriale made in Marche e made in Italy dove ci sarà il meglio del design, della moda e dell’agroalimentare; l’ingresso sarà da Borgo mercatale che non sarà più un parcheggio ma diventerà una piazza, il ‘salotto’ d’ingresso alla città”.
“Per ciò che concerne il lavoro svolto nel Consiglio Comunale – sottolinea Laura Scalbi – l’atto più importante presentato ed approvato dall’Assise comunale è la mozione per il ripristino della tratta ferroviaria Fano-Urbino che ha permesso l’istituzione di una commissione speciale ad hoc atta a definire il ripristino nel più breve tempo possibile”. La Commissione presieduta dal nostro Capogruppo Laura Scalbi è già a lavoro per chiedere la revoca della dismissione della ferrovia.
“Come Legato Albani – aggiunge il Presidente Giovanni Pagnoni – abbiamo organizzato un mese intero di eventi per tutto il periodo natalizio fino alla befana in modo da coinvolgere tutti in numerose attività all’interno del palazzo. In più ci stiamo adoperando per calendarizzare attività che occupino in tutto l’anno il Collegio Raffaello, in modo tale da far affluire più persone possibili”.
“La mia attività è vigile e compiaciuta di dare a Urbino ciò che merita come tutti i luoghi che la circondano – conclude Sgarbi – infatti anche il Montefeltro, per il suo valore paesaggistico, deve diventare patrimonio dell’Unesco”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>