Vis Pesaro – Agnonese: solo 0-0 al Benelli. Bugaro fallisce il rigore da 3 punti

di 

30 novembre 2014

VIS PESARO – OLYMPIA AGNONESE 0-0

VIS PESARO (3-5-1-1): Osso; Pangrazi (1′ st Rossi), Vagnini, Brighi; Bartolucci, Rossoni, Granaiola, Filippucci (30′ st Zanigni), G.Dominici;  Bugaro; Martini (24′ st Rossini). All. Bonvini A disp.: Francolini, Dominici G., Rosati, Torelli G., Imperatori, Pensalfine.

O.AGNONESE (4-4-1-1): Biasella; Litterio, Natalini, Cattarulo, Maresca; Pagliuca, Ricamato, Perrotta (20′ st Rolli), Santoro (20′ st Catalano); Saltarin (42′ st Carpentino); Cantoro. All. Donatelli A disp: Vescio, Lucarino, Pettrone, Pifano, Rolli, Lisi.

ARBITRO: Pasciuta di Agrigento

NOTE: al 15′ st Bugaro sbaglia (parato) un rigore. Spettatori 500 circa (130 paganti per un incasso di 1435 euro). Espulso al 47′ st Pagliuca (A) per doppia ammonizione. Ammoniti: Rossoni (V), Perrotta (A), Pagliuca (A), G.Dominici (V). Angoli: 6-4. Recuperi: pt 1′, st 4′

Alessio Osso ancora titolare dopo la bella prestazione di Castelfidardo

Alessio Osso ancora titolare dopo la bella prestazione di Castelfidardo

PESARO – La Vis Pesaro non vince in casa dallo scorso 27 aprile, 1-0 sull’Angolana (gol di Cremona) allenata dall’attuale mister dell’Agnonese Donatelli. Dopo aver ritrovato i tre punti domenica scorsa a Castelfidardo, i biancorossi cercando il bis in casa per proseguire nella corsa salvezza e sfruttare al massimo gli incroci (forse favorevoli) che propone il calendario odierno: Maceratese-Castelfidardo, Giulianova-Matelica, Fermana-Termoli e San Nicolò-Celano.

Dirigerà Pasciuta di Agrigento, al terzo anno di Can D, nessun precedente con la Vis ma due con l’Agnonese: sconfitta 2-1 a Fermo la scorsa stagione e vittoria 2-0 a Marino 2 anni fa.

Nella Vis assenti sicuri Teodorani e Vita infortunati più gli under Evacuo e Fabbri squalificati. Bonvini solo nel riscaldamento pre-partita capirà poi chi dei 7 giocatori che hanno lamentato problemi muscolari darà maggiore affidabilità. Convocato anche Marco Martini, 35 anni, ingaggiato  martedì scorso e di ritorno in maglia biancorossa dopo 11 anni trascorsi a girare l’Italia e a giocare (e segnare) in B e C.

Nell’Olympia Agnonese squalificato Di Lullo, al suo posto dovrebbe giocare l’under Rolli. Gli altomolisani sono reduci da due risultati utili di fila (vittoria contro San Nicolò e pareggio con la Fermana) dopo 4 sconfitte consecutive: al centro dell’attacco si segnala l’argentino Cantoro, 35 anni, tanti presenze e gol in C e un passato recente esotico tra Vietnam e Malta.

pitagora 285x63

SIAMO IN ATTESA DELLE FORMAZIONI UFFICIALI

Ore 14.20: sorprese in entrambe le formazioni. Nella Vis non convocato De Iulis, subito titolare Martini con Bugaro in appoggio e difesa a tre con Pangrazi, Vagnini e Brighi. Nell’Agnonese fuori Rolli, dentro Natalini con Perrotta a centrocampo con Ricamato, Saltarin in appoggio a l’unica punta Cantoro.

2′ angolo per l’Angolana: palla persa da Granaiola, Perrotta si inserisce, cross Dominici libera in angolo. Nulla di fatto.

Nella Vis centrocampo a tre con Granaiola tra Rossoni e Filippucci, confermato dopo l’ottima prestazione di Castelfidardo: fuori Rossi.

5′ Conclusione alle stelle di Ricamato dai 25 metri.

Esordio stagionale da titolare nella Vis anche per Bartolucci, classe ’95, a destra.

L’Agnonese si difende con due linee strettissime lasciando il solo Cantoro davanti. La Vis, con Martini unica punta e Bugaro libero di svariare, deve affidarsi al gioco palla a terra per favorire gli inserimenti dello stesso Martini che, lo ricordiamo, non gioca partite ufficiali da maggio.

Gol annullato alla Vis. Incredibile: angolo di Bugaro, la palla carica di effetto sul primo palo, interviene in acrobazia Martini che la butta dentro ma l’arbitro non convalida perché – a suo dire – la sfera era uscita prima.

15′ punizione di Martini, toccata da Bugaro, dai 30 metri: palla a lato.

Martini sembra in palla ma fatica a trovare il dialogo giusto con i compagni. Partita fino ad ora spenta: tranne il gol annullato alla Vis, solo improbabili tiri (per entrambe le squadre) da distanze siderali.

23′ punizione a sorpresa di Granaiola sulla sinistra per Bugaro che affonda e mette in mezzo: Biasella para comodamente.

Tanti errori in fase di impostazione: da un cross di Pagliuca per Santoro, Bartolucci riesce a spizzare di testa mettendo fuori causa l’esterno che aveva stretto in area.

34′ Emblematica ripartenza della Vis: Martini allarga per Giovanni Dominici che può crossare ma in area ma in area non c’è nessun vissino. Nella ripresa urge l’inserimento di Zanigni, unica punta di ruolo presente oggi in panchina.

La partita si scuote solo su azioni scaturite da palla inattiva: al 41′ punizione di Bugaro dalla sinistra, a centro area svetta Giovanni Dominici che  in volo impatta ma spedisce la sfera oltre la traversa.

Fine primo tempo: 0-0. Poco o niente da segnalare con due squadre che hanno badato soprattutto  a non prenderle.

Secondo tempo: Rossi rileva Pangrazi al 1′ st. Vis in campo sempre con il 3-5-1-1 con Rossoni che scala a destra e Rossi in mediana.

Pressione Vis: due angoli di fila guadagnati, il secondo con uno stop acrobatico di Rossi sulla sinistra stoppa da Cattarulo versione scudo umano.

Agnonese pericolosa al 9′: Litterio taglia in mezzo un pallone velenoso, uscita di Osso che libera in qualche modo. Subito dopo è un’uscita a vuoto di Ossom forse ostacolato da Cantoro a far venire i capelli bianchi a mezzo Benelli. La palla sfila in calcio d’angolo.

14′ rigore per la Vis: Bugaro, Rossi per Filippucci messo giù in area. Rigore netto, ammonito Perrotta autore del fallo. Dal dischetto Bugaro si fa ipnotizzare da Biasella: primo rigore sbagliato da Bugaro in carriera. Si resta sullo 0-0.

La Vis reagisce allo choc: Rossoni prova la battuta di prima intenzione dal limite dell’area, palla alta non di poco.

Doppio cambio under per l’Agnonese: dentro Rolli e Catalano.

Incredibile occasione per gli altomolisani: Maresca fugge a sinistra e mette in mezzo da fondo campo, Catalano da solo a un metro, forse meno, a porta sguarnita spara sopra la traversa. Come la rete fallita da Morata, in Champions, contro il Malmoe. Più difficile sbagliarlo che fare gol.

La Vis cambia Martini, esausto, applauditissimo dall’intero stadio: dentro Rossini. Evidentemente Zanigni non è in condizione di poter giocare.

25′ Granaiola libera subito Rossini che, di prima, in area, non riesce a incrociare sparacchiando fuori sul primo palo.

Rossini concede il bis: filtrante in area e conclusione strozzata fuori. Il Benelli è in piedi e spinge la Vis.

Ancora una occasione per Rossini: spiovente a centro area, colpo di testa troppo morbido e fuori dallo specchio.

La Vis si gioca il tutto per tutto al 30′: dentro anche Zanigni.

Cala l’oscurità sul Benelli: atmosfera da Candele a Candelara.

Contropiede dell’Agnonese azionato da un fortuito scontro Brighi-Granaiola con Saltarin, bravissimo a ripartire ma poco lucido nel servire l’ultimo tocco a Cantoro.

37′ Punzione di Bugaro dalla sinistra, mucchio in area, la palla rimbalza al limite dell’area per Granaiola che prova la battuta di prima intenzione: il cuoio termina di parecchi metri a lato. Con Zanigni la Vis ha guadagnato in sponde e e peso in area, ma l’Agnonese si difende bene.

40′ Traversone dalla sinistra di Catalano, Giovanni Dominici cerca di liberare a centro area, sporca solo il pallone che Osso riesce comunque a bloccare con Cantoro in agguato. Dominici resta poi a terra colto da crampi.

45′ Cantoro prova il sinistro dal limite: palla tesa di poco alta sopra la traversa.

4′ di recupero

I tifosi della Vis cantano: Meritiamo di più. Oggettivamente, oggi, la Vis ha offerto una delle peggiori prestazioni degli ultimi anni.

47′ espulso per doppia ammonizione Pagliuca.

E’ finita qui: 0-0 al Benelli ma a recriminare deve essere la Vis soprattutto per l’atteggiamento tattico rinunciatario visto quest’oggi. D’accordo le condizioni fisiche precarie di diverse giocatori ma scendere in campo con una difesa a 5 e Martini con Bugaro in appoggio in attacco, in casa, contro una squadra che giocava con una punta è stato un piccolo suicidio. Resta il rammarico del rigore fallito da Bugaro: mai, l’anconetano, aveva sbagliato fin qui dagli 11 metri. Peccato: due punti persi per la Vis, uno guadagnato per l’Agnonese che ha fatto, alla fine, la sua onesta partita da trasferta.

 

 

marchigiana mobili 285x95

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>