Ricci: “Sanzioni per chi lascia per troppo tempo sfitti i locali del centro storico”. E sabato si presenta il nuovo brand di Pesaro

di 

4 dicembre 2014

PESARO – “Stiamo studiando insieme all’assessore Delle Noci un meccanismo per prevedere sanzioni a carico di chi lascia troppo a lungo a i locali del centro sfitto”. Così il sindaco Matteo Ricci intervistato in diretta, l’altra sera, da Tele2000. “Vogliamo mettere a disposizione gran parte del patrimonio pubblico che abbiamo per creare nuovi luoghi di aggregazione e iniziative – ha aggiunto – Vedi il Mercato delle Erbe, Palazzo Gradari o la Stazione Gaus, ricavato nei locali inutilizzati della Stazione dei Treni di Pesaro, che inauguriamo a giorni”. Non solo:per il centro servirebbe anche un nuovo piano di abbellimento dell’arredo urbano. “Lo presenterò a fine gennaio – ha annunciato Ricci – Ci saranno interventi comunali, ma anche privati, con forme di detassazione. Per esempio va eliminata sicuramente la gomma a terra sotto i portici di via San Francesco”. Ricci ha voluto anche esaminare il 36esimo posto nella classifica della “Qualità della Vita” dove Pesaro è scivolata di 14 posizioni rispetto all’anno scorso. “Non è stato un crollo, siamo sempre 36 su 106. Ma l’obiettivo è di entrare nei primi 10 posti. Per mobilità, con le nostre piste ciclabili, siamo al quinto posto. Ci penalizza la Sanità, ma qui subentrano le decisioni della Regione Marche”.

Sabato si presenta il brand della città

A Villa Caprile aveva invocato il cambio di passo, perché «il territorio ha potenzialità incredibili, ma non ha mai vissuto pienamente la vocazione turistica. Si tratta di ristrutturare la nostra economia, recuperando i posti persi dalla manifattura. Ma dobbiamo crederci di più». Un modo per farlo, secondo Matteo Ricci – che non a caso si è tenuto la delega al marketing territoriale – è anche ragionare sull’identità della città, in termini di qualità ‘commerciale’. A partire da quello che di sé comunica all’esterno. Insomma, un’operazione che lega valore percepito e relativa fidelizzazione: «Entro un mese presenteremo il nuovo city brand – l’annuncio agli Stati generali del turismo – su cui ci focalizzeremo insieme per la strategia comune. A partire da cartellonistica e comunicazione». L’ora è arrivata e il marchio, insieme alle linee guida per lo sviluppo della brand identity, sarà svelato sabato 6 dicembre, alle ore 17.30, a Palazzo Gradari (via Rossini, 24). Oltre al sindaco, interverranno gli assessori Daniele Vimini ed Enzo Belloni e l’ad di The Garage Creative Studio Cristiano Andreani. Poi la musica di Mario Mariani e l’action painting di Giuliano Del Sorbo.

2 Commenti to “Ricci: “Sanzioni per chi lascia per troppo tempo sfitti i locali del centro storico”. E sabato si presenta il nuovo brand di Pesaro”

  1. galassian@gmail.com scrive:

    Bravo ricciolino! ma quanto sarai bravo! te lo dico anche io! tanto cosa cambia se te la canti e te la suoni, a sto punto diamogli ragione, non è un problema se la sanità va a picco, “è colpa degli altri”, se la città potrebbe svilupparsi, “è colpa degli altri”!
    le persone non abitano dentro una caverna come credi, e non escono solo per andare alla coop, la cultura a Pesaro c’è e c’è sempre stata, il commercio idem, il centro storico è un pezzo che esiste, le piste ciclabili? no le hai inventate tu! ah no la “bicipolitana”! già bella…
    magna magna cocco che tanto ingrassi solo tu, sappiamo bene come girate i vostri affari.

    • Alessandro Bertuccioli scrive:

      Bene, ma quella che la provincia di pesaro e meglio che stia con l’abruzzo piuttosto che con emilia romagna e toscana mi sembra del tutto contro corrente in merito a marketing! Roma propone bene Ricci male in questo caso. Non parliamo poi di servizzi, ospedali ecc.. Credo che se dovesse concretizzarsi sara dura spiegarlo ai Pesaresi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>