Volley Pesaro, gli auguri di Andrea Lucchetta. Sorpresa e felice la presidente Barbara Rossi, che malgrado un incidente, annuncia: “Ragazze, sarò con voi a Capannori”

di 

4 dicembre 2014

Andrea Lucchetta allo stadio olimpico di Londra 2012

Andrea Lucchetta allo stadio olimpico di Londra 2012

PESARO – Andrea Lucchetta ha fatto gli auguri al Volley Pesaro. Impegnato nel commento tecnici, da spalla di Maurizio Colantuoni, durante la telecronaca di Il Bisonte Firenze – Metalleghe Montichiari, Crazy Lucky ha salutato la pallavolo pesarese, che gli è venuta in mente raccontando di Maren Brinker, Berenika Tomsia, già Okuniewska, e Laura Saccomani, che giocano nella squadra lombarda. Auguri ascoltati da tutto il mondo del volley, cui manca una realtà importante come Pesaro. Una realtà che ha rinunciato alla serie A1 perché – mancando lo sponsor – non ha rischiato di trovarsi in difficoltà e di conseguenza non poter onorare i contratti. Principi che non abbondano, etica che non appartiene a tutto il mondo della pallavolo, come potrete verificare presto, quando, anziché di bagher, ricezioni, schiacciate e muri, scriveremo di assegni e cambiali. Dunque, il Volley Pesaro accoglie con un sorriso gli auguri di Lucchetta e intanto pensa alla trasferta di sabato, a cui prenderà parte anche Barbara Rossi, co-presidente della bella realtà sportiva pesarese. Malauguratamente, Barbara è stata vittima di un incidente stradale che le ha procurato un discreto mal di schiena, alleviato dalle cure dei fisioterapisti del Volley Pesaro, Claudio Di Lorenzi e Gabriele Palucci.

Presidente, per caso è in forse la sua presenza nella trasferta di sabato?

“No, no, vado di sicuro. L’ho detto alle ragazze. Anche perché loro mi hanno detto che non devo abbandonarle…”. Tre trasferte, tre vittorie, una presenza costante nelle partite e negli allenamenti,tanto affetto per le ragazze e per lo staff. E un sorriso quando ha appreso degli auguri di Lucchetta.

“Sono tornata a casa tardi, dopo essermi sottoposta alla fisioterapia – racconta Barbara -, e non ho ascoltato le sue parole, ma sono stata informata di quello che ha detto. Speriamo ci portino bene, perché siamo attese da una trasferta difficile. Capannori non vede l’ora di affrontarci…”.

Come si evince dal sito web della società toscana.

“La Nottolini Capannori cresce ogni giornata che passa. E le ragazze di coach Becheroni, impegnate sabato sul parquet del Volley Friends Roma, hanno superato un altro importante esame. Con un 3-0 alle laziali che ha cancellato ogni timore di insidia della vigilia. Timore per l´orario insolito, le 16,30, timore per il pubblico capitolino, composto quanto rumoroso e in grado di incitare la squadra per tutto il match nonostante il punteggio avverso. In più per le capannoresi di Magnelli e Puccini è stata anche una prova di maturità dal punto di vista caratteriale. In un palazzetto in cui è la condensa a farla da padrone, il gioco viene continuamente spezzettato per permettere di asciugare il parquet.

Ma la concentrazione non è venuta meno alle capannoresi, che conquistano tre punti vitali per la classifica. Punti che ora sono 12, otto in più della zona a rischio della classifica, a dimostrazione di un tasso tecnico e d una continuità di prestazioni che non sembrano quelle di una neopromossa. E´ il gruppo quello che vince, è la qualità di costruirlo di un tecnico come Becheroni e di una società. Adesso un´altra sfida che dimostrerà dove potrà arrivare questa Nottolini. Al PalaPiaggia arriva la capolista Pesaro, nobile decaduta della pallavolo femminile che vuole tornare ad essere grande. Un altro match di quelli da vivere tutto d´un fiato. In una stagione che a Capannori molti vogliono sia da ricordare”.

Un commento to “Volley Pesaro, gli auguri di Andrea Lucchetta. Sorpresa e felice la presidente Barbara Rossi, che malgrado un incidente, annuncia: “Ragazze, sarò con voi a Capannori””

  1. Alberto scrive:

    Forza baby!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>