Domenica contro la capolista Venezia serve una Vuelle dis…Umana

di 

5 dicembre 2014

vuellePESARO – Dando un’occhiata al calendario ad inizio stagione si pensava che con la trasferta di Milano finisse la parte più difficile della stagione per la Consultinvest e che da dicembre in poi il cammino non sarebbe stato proprio in discesa, ma magari leggermente meno tortuoso, con impegni casalinghi non proibitivi e trasferte non proprio impossibili. Invece in questa nona giornata la Vuelle dovrà affrontare per la quarta volta in nove partite la capolista del campionato, addirittura solitaria, fatto che in laguna non accadeva dal lontano 1968, merito certamente del grande avvio di stagione di Venezia, sette vittorie su otto con una sola sconfitta rimediata sul parquet di Milano, e demerito delle cosiddette “big” che hanno già perso qualche punto di troppo per strada, vedi Sassari che con la sconfitta a Capo D’Orlando di lunedì scorso ha inguaiato proprio la Vuelle, e non è che la prossima trasferta pesarese sia proprio di quelle agevoli, con Cremona che sta disputando un grandissimo campionato al di là delle più rosee previsioni.

Unica nota positiva è che questa volta la Consultinvest affronterà una capolista sul proprio parquet, invece che in trasferta, dove il ventello sembra quasi automatico a questi livelli, con la Vuelle che dalle tre precedenti uscite all’Adriatic Arena ha rimediato quattro punti, perdendo colpevolmente contro Varese, che da quella vittoria ha inaugurato una striscia negativa di sei match ancora aperta, ma basterà il talismano della Torraccia per muovere ancora la classifica? Difficile, molto difficile, perché l’Umana non avrà il roster infinito dell’Armani, mezza nazionale italiana come Reggio Emilia o il talento di Sassari, ma dopo otto giornate non sei capolista per puro caso e l’impegno che attende i ragazzi di Dell’Agnello è molto complicato, anche se probabilmente Venezia non fa parte di un “campionato diverso” come ama sottolineare dopo ogni disfatta il coach biancorosso, ma ha semplicemente saputo mettere un allenatore di grandissima esperienza come Charlie Recalcati alla guida di un gruppo esperto con tre campioni d’Italia come Viggiano, Ress ed Ortner che a Siena magari non erano giocatori da quintetto, ma che hanno portato la loro attitudine vincente sul Canal Grande, insieme ad un paio di americani di buon valore come Phil Goss e Julyan Stone. Aggiungeteci la capacità di Recalcati di cavare il meglio dal materiale umano a sua disposizione e avrete la ricetta vincente per comandare da soli il campionato, poi magari a maggio le “big” faranno sentire la propria forza e una di loro si aggiudicherà lo scudetto, ma Venezia è una formazione che nessuno vorrebbe mai incontrare nei playoff.

Insomma i due punti difficilmente arriveranno, ma non vorremmo vedere una Consultinvest arrendevole che non provi neanche a fare la sua partita, pensando che la differenza di valori sul parquet sia incolmabile, ma davanti al suo pubblico la Vuelle ha il dovere di rendere la vita difficile a chiunque. Se poi Venezia dimostrerà di essere la più forte tanto di cappello, l’importante è che Pesaro non pensi di essere la più debole.

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

CONSULTINVEST PESARO (4 PUNTI) – UMANA VENEZIA (14 PUNTI)
Domenica 7 dicembre – ore 18.15 – Adriatic Arena di Pesaro

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Formazione che fa dell’esperienza il suo punto di forza quest’Umana, dove il veterano degli allenatori italiani, Charlie Recalcati, ha saputo allestire una squadra di buon talento e di grande affidabilità, senza una stella assoluta, ma con nove giocatori che giocano oltre dieci minuti di media in grado di non far mai scendere il ritmo del match. Il play titolare è l’americano Julyan Stone, 26enne con un passato Nba in maglia Raptors, bravo nella gestione del match ma capace anche di sfruttare la sua grande fisicità essendo il miglior rimbalzista della squadra. Il lituano Dulkys è la classica guardia europea dai buoni fondamentali e dall’ottimo tiro, mentre Phil Goss è ormai un esperto del nostro campionato e dall’anno del suo debutto a Rimini in Legadue è sempre andato in crescendo. Sotto i tabelloni ad affiancare il 34enne Tomas Ress ci pensa il croato Peric, ottimo tiratore da tre e capace di dare una bella mano anche a rimbalzo.

Dalla panchina escono altri due trentenni di provata esperienza come gli ex senesi Jeff Viggiano e Benjamin Ortner, insieme alla 22enne guardia italiana Marco Ceron e al 21enne play Michele Ruzzier, una delle più belle novità di questo inizio di stagione, mentre il lungo americano Cameron Moore è il cambio dei lunghi.

IL DUELLO CHIAVE

Juvonte Reddic vs Hrovje Peric
Due modi diversi di intendere lo spot di numero quattro con Reddic che giocoforza deve affidarsi alla sua tecnica sotto i tabelloni per compensare una fisicità non esplosiva e la sua scarsa propensione a tirare dai 6,75. Tiro da tre che invece è una delle armi principali di Peric, in grado di colpire da ogni lato del parquet senza rinunciare a qualche apparizione dentro l’area colorata.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Non si saprà fino alla palla a due se Anthony Myles riuscirà a scendere in campo dopo la distorsione alla caviglia rimediata mercoledì scorso nell’amichevole contro Imola, tributo da pagare allenandosi in un parquet particolarmente duro come quello del Vecchio Palas di Viale dei Partigiani, soluzione comunque obbligata non essendo l’Adriatic Arena sempre disponibile per i ragazzi di Dell’Agnello. Una grana che sicuramente il coach livornese non avrebbe voluto affrontare, anche perché Myles è stato il giocatore più continuo della Consultinvest in questo primo quarto della stagione, ma potrebbe essere l’occasione per vedere finalmente un Tommaso Raspino più propositivo, sia in fase offensiva, dove ad un tiro da tre ondivago non è mai riuscito ad abbinare soluzioni alternative nell’uno contro uno, sia in fase difensiva, dove non riesce a rendersi utile con anticipi sul lato debole o cercando di catturare dei rimbalzi per partire in contropiede. L’ala ex biellese rischia di far parte di quella lista di scommesse perse finora dallo staff biancorosso, lista che comprende sicuramente Kendall Williams e Juvonte Reddic, ancora lontani da un rendimento accettabile, con il play che continua a subire l’impatto emotivo con le partite ufficiali, mentre Reddic fatica maledettamente a lasciare la sua impronta sui match, al di là di qualche sporadica giocata sulla linea di fondo e qualche rimbalzo difensivo non contestato. Ma se per Williams si aspetta pazientemente il match che riesca a sbloccarlo definitivamente, i problemi di Juvonte sembrano più difficili da risolvere in breve tempo, lasciando praticamente scoperto lo spot di ala grande, occupato saltuariamente da Ross, anche se ormai è chiaro che LaQuinton è il prototipo dell’ala piccola moderna, capace di colpire da tre o di battere l’avversario in entrata frontale, senza però avere quella propensione a rimbalzo o i movimenti spalle a canestro necessari per interpretare correttamente il ruolo di numero quattro.

Ma di tornare sul mercato non se ne parla almeno fino alla fine di dicembre, con la speranza che per l’anno nuovo arrivino soldi freschi nelle casse biancorosse da parte di quelle aziende consorziate come la Clinica Dentale, l’Aviva Assicurazioni e la stessa Consultinvest che stanno avendo un discreto ritorno economico dalle convenzioni stipulate con gli abbonati alla Vuelle, ditte che si sono dette disponibili a rivedere il loro contributo economico per il 2015 in base ai risultati raggiunti nell’anno vecchio, sia dal punto di vista sportivo che economico. Così per adesso si andrà avanti così, sperando che la sfiga non ci metta lo zampino e che la lista di scommesse perse si assottigli sempre di più.

LA NONA GIORNATA IN PILLOLE

Questo nono turno si aprirà con due anticipi al sabato sera, quando Reggio Emilia ospiterà Capo D’Orlando e Brindisi riceverà Varese per la diretta streaming sul sito della Gazzetta, ma il match clou andrà in scena alle ore 20 di domenica davanti alle telecamere della Rai con una Sassari-Milano che promette spettacolo. Negli altri match domenicali in programma spicca Cantù-Pistoia, partita tra due squadre che stanno andando leggermente peggio delle previsioni, mentre Bologna e Roma proveranno a migliorare la loro classifica ospitando rispettivamente Avellino e Cremona. La giornata si concluderà con il posticipo del lunedì dove Caserta ha una grossissima possibilità di lasciare quota zero ospitando la Dolomiti Energia Trento.

I PROSSIMI MATCH DELLA CONSULTINVEST

Vanoli Cremona – Consultinvest Pesaro – domenica 14 dicembre – ore 18.15
Consultinvest Pesaro – Dolomiti Energia Trento – domenica 21 dicembre – ore 18.15

Consultinvest Pesaro – Granarolo Bologna – venerdì 26 dicembre – ore 18.30

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>