Pomì Casalmagiore riduce in salsa Urbino: 0-3, che batosta. Le foto di Ceccarini

di 

7 dicembre 2014

ROBUR TIBONI URBINO – POMI’ CASALMAGGIORE 0 – 3

( 9 – 25; 22 – 25; ; 17 – 25)

ROBUR TIBONI URBINO URBINO: Santini 7, Leggs 5, Agostinetto Lestini 8 Walker 2, Spelman 10, Bruno L , Fresco 1 Richey , Zecchin , Vujko, Giacomel All. Micoli – 2° All. Ebana

POMI’ CASALMAGGIORE: Gibbemeyer 8, Bianchini 11 , Tirozzi 14, Stevanovic 10, Agrifoglio 1,Ortolani 6, Sirressi L Gennari 3, 2 Zago 2 Klimovic Non entrate: Skorupa Quiligotti L , All.Mazzanti.

Arbitri Puletti, Luciani

NOTE Spettatori 228 circa. Incasso 955 Durata set: 20’, 25’, 23’ tot. 68’. ROBUR TIBONI URBINO battute sbagliate 8, vincenti 1, muri 8, 2ª linea 4, errori 8 POMIì CASALMAGGIORE b.s. 11 b.v. 9 muri 6 2ª linea 12, e. 18

 

URBINO – Pomì Casalmagiore che riduce in salsa la formazione padrona di casa, Urbino poco presente in campo questa sera, subisce fin da subito l’incisività e la determinazione delle ex Tirozzi e Sirressi. Il servizio è il primo fondamentale che annichilisce la ricezione feltresca, quindi il tecnico Micoli, dopo soli venti minuti di primo set, è costretto a sostituire Giacomel, che comunque riesce ad arginare l’incisività del servizio. Il secondo set procede in maniera altalenante, Le aquile ducali questa sera non riescono a spiccare il volo, in nessun fondamentale, solamente la determinazione potrebbe cambiare e sorti di un incontro che fin da subito ha lasciato presagire il risultato innegabilmente a favore delle ospiti, impeccabili. Il tecnico di Casalmaggiore, il marchigiano Mazzanti si permette di lasciare a riposo anche Skorupa, mettendo in cabina di regia Agrifoglio. Il secondo set vede comunque lievi tentativi di risalita da parte delle padrone di casa. I tentativi di Santini e di Leggs di potere arginare gli attacchi, anche dalla seconda linea, non sono semplici. Il gioco è stato sul filo dell’ equilibrio fino ad un certo punto, quando poi le riserve energetiche della Robur sono andate pian piano scemando. Da notare le decisioni arbitrali, che in certi momenti hanno messo in difficoltà la voglia di risalire, da parte delle padrone di casa, le quali hanno visto anche l’assegnazione di un cartellino giallo a capitan Santini.

Il terzo parziale Urbino cerca di giocarlo alla pari, fino al time out tecnico, quando poi una serie di imprecisioni e falli permettono a Gibbenmeyer e Tirozzi di esser implacabili, Micoli gioca ancora la carta dei cambi, inserendo Fresco, Richey e Vujk, ma possono poco contro il dominio, anche a livello psicologico, delle ragazze di Mazzanti. Adesso un paio di giorni riposo, indispensabili, per le ragazze di capitan Santini, soprattutto per il recupero delle forze non solo fisiche, soprattutto mentali.

M. Novella Ferri

LE FOTO DI ANDREA CECCARINI:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>