Urbino: in 5.000 in fila per la “Bella Principessa” di Leonardo

di 

9 dicembre 2014

A Urbino fila per la Bella Principessa

A Urbino fila per la Bella Principessa

URBINO – La Bella Principessa fa subito il gran colpo. A poche ore dall’apertura al pubblico, l’esposizione dedicata al capolavoro di Leonardo Da Vinci supera 5.000 visitatori e va oltre le migliori aspettative. Intanto fioccano le telefonate per chiedere informazioni e annunciare visite nelle prossime settimane. Le telefonate arrivano anche dall’estero. Siamo quindi davanti a una partenza in grande stile che decreta da subito il successo di questa operazione culturale voluta da Vittorio Sgarbi, subito supportata dall’Amministrazione comunale di Urbino, e realizzata grazie al forte impegno di Scripta Maneant Edizioni e alla fondamentale sinergia con la Soprintendenza che ha sede a Urbino. Il ritratto di Bianca Sforza è di grande effetto. L’atmosfera che accoglie il pubblico nel Salone del Trono del Palazzo Ducale è di estrema suggestione. Nel mattina dell’8 dicembre, già dalle prime ore c’era la fila per entrare alla mostra.

Ritratto di una Sforza detto la "Bella principessa"Due conferenze stampa di successo, una campagna promozionale sui media tradizionali, e la presenza sui social media gestiti dalla città di Urbino hanno accompagnato il lancio della mostra, e ora si stanno raccogliendo i primi risultati. Si pensi che la sola pagina Facebook “Città di Urbino”, con i tanti post dedicati alla “Bella Principessa”, nei giorni scorsi aveva raggiunto 60 mila contatti. A questo si aggiunge la campagna Twitter, newsletter spedite a migliaia di indirizzi mirati, e il nuovo blog “Urbino News”, creato dagli Assessorati comunali alla Cultura e alla Promozione Turistica.

Ulteriori info su www.comune.urbino.ps.it e www.facebook.it/citta.diurbino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>