Vallefoglia, Lucarini a Ucchielli: “Riqualifichiamo ed ampliamo il Percorso Natura lungo l’Apsa”

di 

11 dicembre 2014

Luca Lucarini*

Chi risiede tra Cappone e Bottega da almeno 15 anni, si ricorderà senz’altro del “Percorso Natura” lungo il torrente Apsa, un tragitto naturalistico lungo qualche kilometro che, costeggiando il corso d’acqua, permetteva lunghe passeggiate a piedi o in bici circondati solo dalla natura, con la possibilità di sostare in aree attrezzate anche con strutture ginniche.

Uso il verbo al passato perché il “Percorso Natura” non è più così da molti anni. L’incuria, il degrado e le cattive abitudini, lo hanno trasformato in un luogo sporco, insicuro e sostanzialmente abbandonato! Eppure è stato uno dei primi progetti di sviluppo del patrimonio naturale del nostro territorio.

Le sollecitazioni che in passato sono state rivolte all’Amministrazione, al fine di non disperdere questa ricchezza, sono cadute nel vuoto, quindi mi sono ora rivolto al Sindaco Ucchielli scrivendogli una formale lettera, con la quale gli propongo non solo di riqualificare il “Percorso Natura” ma addirittura di allungarlo per raggiungere l’ambizioso obiettivo di gestire quello che diventerebbe uno dei patrimoni naturali più importanti della Regione.

Il progetto consisterebbe nel risanamento dell’attuale percorso lungo l’Apsa, rendendolo nuovamente fruibile, attrezzato, segnalato e sicuro e nel contempo allungarlo nella parte finale dopo la frazione di Bottega fino al raggiungimento della confluenza con il Foglia (appena qualche centinaio di metri) dove ci sarà la possibilità di proseguire lungo la pista di controllo (in fase di ultimazione da parte dell’Unione Pian del Bruscolo) dando così la possibilità di continuare il percorso naturalistico fino a Pontevecchio (risalendo a monte) oppure fino a Montelabbate (verso Pesaro).

Affidando poi la gestione e la manutenzione del nuovo “Percorso Natura” alle associazioni di volontariato (per non farlo nuovamente cadere in disgrazia) ci troveremmo a disposizione un patrimonio di inestimabile valore!

Le risorse per realizzare tutto ciò andrebbero cercate nel nuovo Programma di Investimenti Comunitario 2014-2020 (POR FESR Marche) che tra i suoi obiettivi di priorità include anche quello di “Conservare, proteggere e sviluppare il patrimonio naturale e culturale”.

Penso che il sindaco, insieme al gruppo di lavoro per l’accesso ai finanziamenti europei che ha recentemente costituito, possa mettersi subito al lavoro.

*Consigliere comunale “Insieme per Vallefoglia”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>