Deaf VolleyBall Champions League, a Pesaro il derby russo-ucraino va a Kiev

di 

15 dicembre 2014

la squadra femminile di Ancona che ha vinto l'argento insieme al Colibrì

la squadra femminile di Ancona che ha vinto l’argento insieme al Colibrì

Il piatto forte della 1ª Deaf VolleyBall Champions League è stata la finale maschile tra la squadra ucraina di Kiev e la formazione russa di Novosibirsk, vinta dagli urcraini per 3-1.
Per chi si aspettava qualche scaramuccia tra giocatori per la difficile questione politica tra i due Paesi, si è invece gustato una pallavolo di alto livello, dove i due coach hanno avuto qualche diverbio ma con gli arbitri non tra loro. Tutto è bene quello che finisce bene. Come questa prima coppa campioni organizzata a Pesaro grazie a Esatour sport events, Fssi, Edso, il Campo Asd e Asd Sordi Pesaro. Onori anche per l’Italia che con la squadra femminile di Ancona ha conquistato l’argento, battuta solo al tie-break dalle ucraine, ancora loro, di Kiev.
Una bella manifestazione che ha coinvonto 15 club tra maschili e femminili, tutti alloggiati all’Hotel Flaminio.
Per le due finali, disputate entrambe al vecchio palas, anche un discreto pubblico composto non solo dalla comunità dei sordi, ben rappresentati dai volontari dell’Asd Sordi Pesaro.
«La città ha risposto bene a un evento che rimarrà nella storia essendo la prima volta che si realizza – spiega Marco Cadeddu, artefice insieme al consigliere Fssi Bucca della Champions League –, siamo anche candidati per ospitare i campionati del mondo di volley del 2016. Il nostro è solo l’inizio di un percorso». Un grazie particolare a Fabio Franchini presidente della Fipav provinciale che ha sostenuto la competizione, al Volley Pesaro e al Coni.
La coppa campioni di volley sordi ha avuto il patrocinio del Comune di Pesaro ed è stata realizzata grazie anche al Cip, all’Esercito, la Panathlon di Pesaro, all’Ens regionale e allo sponsor Global Relax.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>