Tagliolini convoca l’Assemblea dei 58 sindaci, prima riunione il 18 dicembre

di 

16 dicembre 2014

PESARO – Giovedì 18 dicembre, alle ore 12, nella sala del consiglio “W.Pierangeli” di Pesaro, si terrà la prima riunione dell’Assemblea dei Sindaci, uno dei tre organismi (insieme al presidente e al consiglio provinciale) della nuova Provincia quale ente di secondo livello. L’Assemblea, composta dai 58 sindaci del territorio provinciale (poiché S.Angelo in Vado è commissariato), dovrà come primo atto ufficiale adottare lo Statuto, che regola ex novo il funzionamento dell’ente prevedendo il ruolo di coordinamento e raccordo che la nuova Provincia, come ente di area vasta, avrà nei confronti dei Comuni.

“La Provincia – evidenzia il presidente Daniele Tagliolini – è stata per anni un valido supporto per tanti Comuni, soprattutto dell’entroterra, facendo da raccordo per tante attività. Oggi vive delle difficoltà, i tagli previsti dalla legge di stabilità sono insostenibili e ricadranno soprattutto sui cittadini. Se ci mettono in condizione di gestire i territori, è importante amministrare insieme agli enti locali, tra l’altro la Provincia manterrà competenze in ambiti fondamentali per la vita dei cittadini come strade provinciali, scuole superiori (programmazione rete scolastica ed edilizia scolastica), trasporto pubblico provinciale, pianificazione territoriale, tutela e valorizzazione dell’ambiente. Dobbiamo poter garantire alla popolazione questi servizi”.

Per il presidente Tagliolini “è quindi importante che tutti i Comuni lavorino insieme e soprattutto che facciano squadra per affrontare le possibili emergenze sul territorio, come quella della neve”. Se da un lato la Provincia ha fondi per gli investimenti, dall’altro ha risorse limitate per la spesa corrente. “Per le scuole del territorio provinciale – specifica Tagliolini – investiremo 6 milioni di euro dei fondi nazionali e regionali, così come per il dissesto idrogeologico abbiamo a disposizione circa 5 milioni di euro. E’ dunque fondamentale una collaborazione con i Comuni. Oggi sempre più dobbiamo saper dialogare, facendo ognuno la propria parte per il bene di tutti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>