Disastro Vis: perde anche nella tana del Termoli riassemblato in 7 giorni. Altre due espulsioni: stavolta i rossi sono per Evacuo e Teodorani

di 

21 dicembre 2014

TERMOLI – VIS PESARO 1-0
TERMOLI (4-4-2): Marconato; Scarpone, Falco, Fuschi, Russi; Camporeale (18′ Gagliano), Vita, Romano (38′ st Ragatzu), Felici (6′ st Cremona); Di Matera, Santoro. A disp. Ferrucci, Camilleri, Failla, Mattia, Scarano, Simonetti. All. Casu
VIS PESARO (4-4-2): Teodorani; Fabbri, Labriola, Brighi, Dominici; Torelli (1′ st Filippucci), Rossoni, Ruffini, Bugaro (41′ st Francolini); Evacuo, De Iulis (23′ st Zanigni). A disp. Bartolucci, Pangrazi, Vagnini, Rosati, Rossi, Cobaj. All. Bonvini
ARBITRO: Guida di Salerno
RETI: 43′ st Ragatzu
NOTE: giornata invernale e ventosa, terreno di gioco non in perfette condizioni, spettatori 500 circa con una quindicina di tifosi da Pesaro; ammoniti Scarpone, Fuschi, Vita, Cremona, Labriola; espulsi al 43′ pt Russi ed Evacuo per gioco violento, al 40′ st Teodorani per proteste; angoli 10-3, recupero 3+6

 

L'entrata in campo di Termoli e Vis Pesaro

L’entrata in campo di Termoli e Vis Pesaro

TERMOLI (Campobasso) – La Vis nella tana del rebus Termoli. In settimana i molisani hanno rivoltato la squadra come un calzino, mettendo a segno ben 14 colpi di mercato tra cui gli ex vissini Marco Vita e Luca Cremona. Il primo parte dal primo minuto, il secondo – che in settimana ha avuto qualche problemino – è in panchina, così come anche l’ex Fermana Ragatzu, tesserato ieri. La maggior parte dei volti nuovi viene comunque schierata dall’inizio da mister Casu, compreso Falco il cui ritorno è stato perfezionato qualche ora prima del fischio d’inizio. Solamente due nell’undici iniziale non sono volti nuovi (Scarpone e Santoro).

Una fase di gioco di Termoli-Vis Pesaro

Una fase di gioco di Termoli-Vis Pesaro

Bonvini – che torna al 4-4-2 – decide di schierare subito Paolo Ruffini, regista parmigiano ex Ancona e Maceratese subito gettato nella mischia. In mediana gioca Rossoni (Granaiola è squalificato), sulle ali Bugaro e lo rispolverato Torelli. In avanti De Iulis-Evacuo, con il neopapà Zanigni inizialmente a sedere. Mancano Martini e Osso.

Sembrano passati anni luce dagli scontri recenti validi per l’alta classifica (memorabile la semifinale playoff vinta dai rossiniani due campionati fa). Adesso i giallorossi del Termoli sono all’ultimo posto col Celano, a meno 1 dalla Vis. Trattasi, dunque, di vero e proprio scontro salvezza. Il live:

PRIMO TEMPO

1′: tiro dopo appena 6 secondi di Felici: deviato in corner da un difensore pesarese.
2′: risponde Evacuo da posizione impossibile: fuori.
8′: occasione Termoli, con Di Matera che da destra crossa per Felici, lasciato incredibilmente solo a sinistra, nella zona che sarebbe di competenza di Fabbri: inzuccata che Teodorani devia e poi la Vis si salva in corner.
12′: fallo ingenuo di Brighi su Di Matera a cavallo della riga: punizione che è una sorta di corner corto. Punizione di Romano direttamente in porta, ma De Iulis – quasi sulla linea di porta – sventa la minaccia di testa. Ma la Vis soffre sulla sinistra del Termoli.
16′: Felici ancora libero a sinistra: tiro deviato in angolo.
25′: la Vis si affaccia in avanti, soprattutto a sinistra, anche se ancora non riesce a tirare verso la porta dell’esperto Marconato.
27′: colpo di testa di Evacuo deviato da Fuschi che esce di poco.
30′: tiro di Fuschi dai 30 metri su cui Felici si tuffa di testa: palla che va fuori di poco, con Teodorani che mai ci sarebbe arrivato. Sicuramente meglio il Termoli della Vis.
31′: Di Matera mangia Brighi in velocità, tiro da posizione defilata centralmente: deviato col corpo da Teodorani.
41′: Ruffini va sul fondo e crossa da sinistra, De Iulis prova la sforbiciata che viene contrata e il Termoli pulisce l’area.
43′: espulsi Russi ed Evacuo per colpi proibiti a gioco fermo: l’arbitro non aveva visto ma è stato consigliato dall’assistente di destra. Si gioca dieci contro dieci.
45′: 3 minuti di recupero.
48′: finisce il primo tempo. TERMOLI 0 VIS PESARO 0

SECONDO TEMPO

1′: film già visto: Torelli rimane negli spogliatoi, dentro Filippucci. Vis disposta con un 4-3-2, con Bugaro e De Iulis di punta. Il Termoli gioca invece col 3-4-2.
6′: palla gol Vis Pesaro: angolo da destra di Bugaro, svetta Labriola che sfiora il palo con un colpo di testa su cui Marconato mai sarebbe arrivato.
6′: esce Felici entra Cremona.
9′: punizione dai 35 metri di De Iulis che Marconato blocca senza patemi.
10′: Santoro salta Fabbri evitando anche il ritorno in scivolata del terzino, il termolese va sul fondo ma si allunga un cuoio che Teodorani blocca.
18′: secondo cambio Termoli: entra Gagliano esce uno spento Camporeale.
21′: fallo di Dominici su Cremona un attimo prima dell’entrata in area. Punizione pericolosissima.
22′: batte Di Matera con il sinistro a rientrare sul palo di Teodorani, palla che esce di un nonnulla.
24′: fuori De Iulis, dentro Zanigni.
25′: occasionissima Vis: punizione di Bugaro, testa di Dominici, Marconato tocca ma la palla entrerebbe se sulla linea non fosse provvidenziale la scivolata a salvare dell’ex Cremona.
26′: sinistro a pelo d’erba di Ruffini su sponda di Zanigni: fuori. La Vis sembra averne di più.
28′: Di Matera dal fondo prova un gol impossibile, guadagnando comunque un corner.
29′: Vis che lascia la palla al limite dell’area, appena dentro l’area Cremona ciabatta un destro che Teodorani blocca invece di andare più avanti.
35′: fallo del già ammonito Vita su Bugaro. Punizione dal limite, dal centrosinistra. Va Bugaro: traversa scheggiata.
38′: entra la punta Ragatzu per il centrocampista Romano. Il Termoli tutto all’attacco.
39′: Fabbri crossa da destra, Labriola in proiezione offensiva colpisce di testa: Marconato si tuffa e respinge.
40′: espulso Teodorani. Diverbio con Cremona, poi il portiere dice qualcosa all’arbitro che gli sventola il secondo rosso di giornata. Vis in nove, contro dieci. Inaccettabile.
41′: esce Bugaro entra Francolini. Per fortuna che Bonvini si era tenuto un cambio.
43′: Di Matera vede Francolini fuori dai pali, traversa e linea, Ragatzu si fionda sul pallone e di testa mette dentro. TERMOLI 1 VIS PESARO 0.
43′: se ne vanno i tifosi della Vis. Che disastro.
45′: 5 minuti di recupero.
50′: qualche protesta vissina per un presunto mani in area.
51′: finisce la partita. Altra sconfitta sanguinosa per la Vis che ancora una volta gioca col doppio uomo in meno. Finisce in maniera maledetta un anno solare maledetto.

6 Commenti to “Disastro Vis: perde anche nella tana del Termoli riassemblato in 7 giorni. Altre due espulsioni: stavolta i rossi sono per Evacuo e Teodorani”

  1. Avez scrive:

    Sono sempre stato critico verso la società ma ora è giunta l’ora di contestare i calciatori. Inammissibile giocare ogni volta in 10 o addirittura in 9. Evidentemente sono scarsi tecnicamente e ancor di più psicologicamente. La società inizi a usare il bastone. I tifosi inizino a contestare seriamente. Basta. La pazienza è finita

  2. daniele scrive:

    Grazie Leonardi… riuscito a distruggere un bel giocattolo che bisognava solo migliorare…. disgregato un bel gruppo in nome di non so quale risparmio economico….. ma il vero capolavoro è stato ed è tuttora BONVINI!!!

  3. daniele scrive:

    È palese che è uno degli allenatori più scarsi in circolazione ma Mr Possanzini è stato messo in croce per molto meno, mr Pazzaglia mandato via x 6 sconfitte in 8 partite, mr Magi spesso incredibilmente criticato!!! L allenatore in questa categoria fa tutta la differenza del mondo…. Bonvini le perderebbe tutte anche nell amatoriale…. x serietà e dignita…. Bonvini dimettiti!!!!

  4. RoLo scrive:

    Se anche Teodorani, tra i meno peggio finora, commette un’ingenuità del genere (qualunque cosa sia successa, urlare qualcosa in faccia all’arbitro non ha mai portato benefici) siamo a posto…
    Non so oggi ma ultimamente il centrocampo era imbarazzante. Siamo a metà campionato ma la prossima casalinga puzza già di “ultima spiaggia”.

  5. Vecchia maniera scrive:

    Leonardi ha disfatto quanto di buono costruito negli anni passati per colpa di mancanza di fondi. Ora è stato costretto a spendere in senatori vista la situazione. È convenuto o era meglio tentare di confermare la squadra passata già ben rodata? La risposta è facile. Poi la vicenda allenatore che è comica. Con un dormiente in panchina a dar la carica. Però ora basta! È ora di contestare, anche alzando i toni, gli scarsi che vanno in campo. Quest’anno ne hanno fatte di tutti i colori, umiliando la nostra maglia, e non si dica come sempre che s’impegnano. Basta scuse. Fate pena come calciatori e peggio come uomini. La pazienza è finita

  6. Roberto scrive:

    Leonardi,il figliol prodigo. Bonvini,sono loro i responsabili di questo disastro,è detto cio pregherei costoro di non calarsi nei panni delle vittime incomprese.per favore basta!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>