Carnevale di Fano: una nuova immagine per l’edizione 2015, anno di Expo. Dal 9 gennaio riparte il tesseramento: “Un simbolo del legame con la città”

di 

22 dicembre 2014

FANO – Bello da vedere, dolce da gustare: il Carnevale di Fano ritorna per tre domeniche da non perdere, l’1, l’8 e il 15 febbraio, e ancora giovedì e martedì grasso (12 e 17 febbraio): un’esplosione di colori, musica, arte e spettacolo, per un divertimento a misura di famiglia.

Dedicato ai bambini, indiscussi protagonisti dell’evento, il Carnevale di Fano è famoso per il suo primato storico, come più antico d’Italia. La sua è una tradizione di oltre 600 anni! Il primo caso documentato risale nientemeno che al 1347, quando venne stipulata la pace tra due famiglie rivali della città, i Del Cassero e i Da Carignano.

Ma c’è un altro primato che la festa ancora oggi può vantare, ed è quello del Carnevale più goloso per eccellenza. Ciò che rende unico l’evento è il suo Getto, il tradizionale lancio di dolciumi, quest’anno ancora più generoso: quasi 200 quintali di cioccolata e caramelle, che pioveranno sul pubblico sapientemente munito dei tipici “prendigetto” ideati da Paolo Del Signore.

Nella sua storia, il Carnevale di Fano, ormai un tutt’uno con l’immagine della città, ha saputo mantenere intatti i suoi caratteri più autentici e al tempo stesso tradurli in una chiave sempre attuale.

marchigiana mobili 450x150

Nel corso della conferenza stampa, tenutasi lunedi 22 a Fano, il Sindaco Massimo Seri ha citato lo storico Alberto Berardi (anch’egli presente all’incontro con i giornalisti), ricordando come al di là del suo carattere esuberante la manifestazione sia “una cosa seria”, un evento che unisce mondi e realtà diverse con l’arte dell’ironia. La sfida per il futuro è quella di far vivere pienamente lo spirito del carnevale a tutta la città. L’assessore al turismo Marchegiani auspicato un’internazionalizzazione dell’evento, per aprire Fano al mondo, anche in virtù della grande opportunità di Expo 2015.

La prossima edizione dunque confermerà i suoi capisaldi. Da non perdere, la mattina, il carnevale dei bambini e dei nonni: se questi ultimi saranno protagonisti il 1° febbraio, i mini-carri delle scuole sfileranno l’8 e il 15 febbraio insieme a un’animazione tutta speciale. Il pomeriggio sarà poi la volta dei grandi carri allegorici che uno dopo l’altro sfileranno lungo viale Gramsci fino a sera, quando illuminandosi per l’ultimo giro, detto “della luminaria”, saluteranno il pubblico con uno spettacolo indimenticabile di luci e colori. Il tutto accompagnato dall’allegra Musica Arabita (“arrabbiata”) con gli strumenti più bizzarri e strampalati, e chiuso nel giorno di martedì grasso (17 febbraio) dal rogo del Pupo, detto Vulon, un fantoccio di cartapesta che nella tradizione veniva bruciato per portar via con sé l’inverno (e ogni malefatta degli abitanti avvenuta nei festeggiamenti!).

Mirco Carloni, Stefano Marchegiani, Luciano Cecchini, Massimo Seri, Alberto Berardi,  Francesco Giacobbi.

Mirco Carloni, Stefano Marchegiani, Luciano Cecchini, Massimo Seri, Alberto Berardi, Francesco Giacobbi.

Accanto ai tratti caratteristici e più tipici dell’evento, la prossima edizione non mancherà di riservare tante altre sorprese, di cui offre già alcuni assaggi.

Nuova è l’immagine: una maschera o meglio un personaggio che non a caso accompagnerà il Carnevale per tutto l’anno di Expo 2015. Tre gli elementi chiave che, come in un collage grafico, ne compongono le sembianze: una parrucca di caramelle, evidente richiamo al Getto, una mascherina e infine un grosso naso rosso da pagliaccio, simbolo di quell’arte irriverente, dell’ironia o della satira, che usa il sorriso per smascherare la realtà.

Nuovo è il sito web: il Carnevale di Fano, tramite l’Ente Carnevalesca, diventa proprietaria del dominio www.carnevaledifano.com (già posizionato ai primi posti nell’indicizzazione su google e sui principali motori di ricerca), rinnovandone completamente la veste, i contenuti e l’interfaccia con i social network ufficiali.

Nuova la app: dalla prossima edizione il Carnevale sarà anche “mobile”, grazie alla prima App che accompagnerà i visitatori a scoprire i luoghi e le curiosità dell’evento. Una conferma di quanto il nuovo Carnevale punti sul web e i nuovi media come piattaforme cruciali per una promozione turistica efficace a livello nazionale.

Nuovo tesseramento: ripartirà dal 9 gennaio la campagna tesseramento soci. Chiunque può richiedere la tessera 2015 recandosi all’Ente Carnevalesca, in piazza Andrea Costa 31, e con una quota senz’altro accessibile (10 euro) diventare sostenitore del Carnevale. L’anno trascorso sono state oltre 600 le tessere distribuite. “Acquistare la tessera ha anche un valore simbolico – sostengono Luciano Cecchini e Giorgio Tonelli, ripettivamente presidente e segretario dell’Ente Carnevalesca – Per quanto semplice, è un gesto che testimonia l’appartenenza dei cittadini alla manifestazione”.

Per assistere al Carnevale senza perdersi nulla del grande spettacolo, i palchi sono certamente il luogo ideale: il biglietto per un posto in tribuna con seggiolino numerato costa 10 euro, mentre per gruppi da 15 persone può essere acquistato fino al 30 gennaio a 165 euro, invece che 195 euro.

www.carnevaledifano.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>