Nuova legge urbanistica regionale, Ricci al Cal: «Ok lo stop al consumo di suolo ma serve semplificazione e velocità»

di 

23 dicembre 2014

PESARO – «Favorevoli alla riforma urbanistica della Regione, ma a condizione che vengano approvati gli emendamenti dell’Anci. Altrimenti il giudizio dei Comuni è contrario». Così Matteo Ricci dopo il Consiglio delle autonomie locali tenuto nella mattinata ad Ancona. Spiega il sindaco di Pesaro, relatore in assemblea: «L’impostazione della legge mira a ridurre il consumo di suolo e a incentivare il ‘costruito nel costruito’. Su questi princìpi i Comuni sono perfettamente d’accordo. Quello che non va bene è che l’impianto, così com’è, non semplifica. La legge è pesante, mentre noi abbiamo bisogno di andare veloci e fare provvedimenti semplici. Come Anci, quindi, abbiamo presentato una serie di emendamenti (approvati all’unanimità oggi dal Consiglio delle autonomie locali, ndr) che vanno tutti nella direzione della semplificazione, dello snellimento e della velocità». Un passaggio necessario, per Ricci, «perché un buon amministratore oggi non è più solo un regolatore dello sviluppo. Deve prima di tutto stimolarlo e favorirlo. Per questo, non si possono fare leggi urbanistiche con gli occhi degli anni Novanta. L’approccio deve essere calato nel momento storico attuale». Il lavoro sugli emendamenti ha visto in prima linea, in particolare, i Comuni di Pesaro e Ancona.

«La proposta di legge – osserva – si orienta su due piani. Il primo livello, strutturale, è un piano pluriennale a lunga scadenza, che riguarderà la dimensione intercomunale. Il secondo invece è operativo, con un orizzonte di breve scadenza. Abbiamo chiesto che il livello strutturale sia reso facoltativo, per permettere ai Comuni di avere il tempo di associarsi e mettersi insieme, in modo da avere a disposizione uno strumento appropriato». Ora il consiglio regionale dovrà esprimersi «tenendo conto degli emendamenti, altrimenti servirà la maggioranza qualificata. Ma abbiamo già avuto garanzie dal relatore della proposta di legge (Giancarli, ndr) che gli emendamenti saranno condivisi», conclude il sindaco di Pesaro. «Un bel risultato, determinato dalla compattezza dei Comuni per migliorare la riforma urbanistica nel senso della velocità e della semplificazione».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>