Volley Pesaro, Barbara Rossi: “Dieci su 10, ma la gioia più bella è vedere il grande cuore che queste ragazze mettono dentro le nostre maglie”

di 

23 dicembre 2014

PESARO – Barbara Rossi, presidente felice del Volley Pesaro, ha seguito la partita di Monte San Pietro, casa dell’Idea Volley B Bologna, come le altre trasferte: seduta accanto a Luca Nico, il Signore delle Statistiche. Impassibile anche quando magari dentro era divorata da sacro furore, la co-presidente ha fatto esplodere solo alla fine la gioia, l’entusiasmo che prima aveva controllato con grande freddezza.

La partita è finita: Barbara Rossi fotografa la curva pesarese

La partita è finita: Barbara Rossi fotografa la curva pesarese

Forse ha rischiato più dopo la nostra domanda: presidente, faccia tutti gli scongiuri del caso, ma avete vinto a San Giustino, Orvieto, Perugia, Capannori e Bologna e messo in cassaforte 29 dei 30 punti a disposizione. Di più: siete la squadra più vincente della serie B1, perché nel girone A Pinerolo ha altrettanti successi, ma due sono arrivati al tie-break e in classifica i punti sono 28; nel B, il Volley Millenium Brescia ha perso una partita e guida con 25 punti; nel D, Palmi conduce con 23 punti. E vantate 10 lunghezze sulle quarte. E’ vero che alla fine della stagione regolare mancano 16 partite, ma state rischiando di cambiare nome, da Volley Pesaro a… VAlley PesAro. Fin dalla prima intervista, le ragazze hanno affermato di crederci, ma ciò che più conta è che non s’accontentano delle parole, ma lo dimostrano con i fatti.

“La cosa che mi fa più piacere è che le ragazze ci credono e mettono tanto cuore. E’ una cosa che quasi mi commuove, anzi tolga il quasi. E’ bello avere giocatrici di questo livello che quando scendono in campo non evidenziano solo tecnica, ma esprimono grande personalità e voglia di vincere”.

Come sa, non faccio mai domande tecniche ai dirigenti, perché ritengo che rispondere spetti agli allenatori, però è giusto fare un’eccezione dopo la vittoria su Bologna, e non solo perché lei il volley lo ha giocato: primo set da sogno, secondo parziale più equilibrato, terzo vinto in rimonta, partendo da 2-8, che quasi quasi dà più gioia del primo dominato dall’inizio alla fine. D’accordo la classe, la tecnica, la tattica, ma che ragazze di carattere!

“Devo confessare che è un aspetto che mi piace moltissimo. Non è la prima volta che andiamo sotto nel punteggio, era accaduto anche a San Giustino, nella prima partita della stagione. E abbiamo recuperato anche lì. La nostra squadra non molla mai. E’ bello vedere che le ragazze non si demoralizzano nei rari momenti di difficoltà. Mi sembrano un treno che non s’arresta mai”.

Un’intervista in presa diretta, bordo campo del Pala Jesse Owens: ha avvertito Sorbo?

“Già informato… Non viene in trasferta, resta a casa, a girare scaramanticamente, pipa in mano, e non vede l’ora che arrivi il mio messaggio”.

Presidente, siete una squadra di poca fede: non avete rispettato la decima. Non avete mollato neppure un decimo del raccolto…

“Dieci su dieci, ma la gioia più bella è vedere queste ragazze che dentro le nostre maglie hanno un grande cuore”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>