Prima Categoria, Gabicce Gradara non getta la spugna: “Con Cangini e Rossi abbiamo cambiato marcia”

di 

26 dicembre 2014

Il Gabicce Gradara non getta la spugna: quattro vittorie, sei sconfitte e cinque pareggi in queste prime quindici sfide in Prima Categoria girone A Marche, diversi infortunati e un cambio al timone che ha portato i rossoblu a risorgere dalle ceneri, dopo la flessione in avvio di campionato. Ora la sosta festiva per ricompattarsi, raccogliere le idee e ingranare le marce alte, come spiega il direttore generale Gianluca Mariani.

Il gruppo in festa dopo il gol

Il gruppo in festa dopo il gol

“Dopo un avvio di stagione alquanto sottotono in cui siamo riusciti a mettere in cascina solo due punti in sei gare, abbiamo ritenuto opportuno effettuare il cambio tecnico. Siamo tornati sui nostri passi, riconfermando Paolo Cangini, da tempo legato alla società, capace sin da subito di trovare quella chimica necessaria per poter risalire la cascata. Ha plasmato la squadra a sua immagine, donandole identità e fiducia nei propri mezzi e la serie di risultati utili positivi ne è la conferma (4 vittorie altrettanti pareggi e un sola sconfitta). A dicembre siamo ricorsi al mercato, compatibilmente alle possibilità economiche societarie, rimodellando il collettivo. Tre giocatori sono tornati a vestire i colori rossoblu ed è arrivato, quello che noi consideriamo il miglior colpo messo a segno: Alessandro Rossi. Puntiamo molto su questo attaccante proveniente da categoria superiori, in due partite giocate ha già messo dentro due palloni, un esordio più che positivo per lui. Gli arrivi poi di Daniele Amadei, Alberto Sabattini, Alberto La Pia e Andrea Grieco hanno rinforzato l’organico, ed ora mi sento di dire che il Gabicce Gradara può ambire ai play-off”.

Piuttosto ottimista anche mister Cangini che dal girone di ritorno si aspetta grandi cose: “Ottavi in classifica al giro di boa con 18 punti a 14 punti dalla capolista Audax Piobbico che abbiamo sconfitto nell’ultima gara di andata, vogliamo raggiungere in primis la salvezza poi alzeremo lo sguardo. Abbiamo trovato una buona quadratura e domenica 4 gennaio ce la vedremo allo Stadio “G.Magi” con la Mercatellese (ore 14.30) che è solo tre gradini più su di noi in graduatoria, mi aspetto di iniziare il nuovo anno con una bella vittoria. Non avrò ancora a disposizione William Muratori, Roberto Ridolfi ed è da poco tornato, dopo un mese di vacanza Tommaso la Torre, che scenderanno in campo nel successivo impegno di campionato, ma non ho dubbi che i presenti sapranno farsi valere”.

Piccoli Amici

Piccoli Amici

Ma non è solo la prima squadra a strizzare l’occhio al nuovo anno, infatti anche il settore giovanile rossoblu vuole puntare in alto. Tra i 200 iscritti e le dieci squadre presenti la categoria Junores ha da poco terminato il girone di andata e mister Gabriele Magi è molto soddisfatto: “Stiamo affrontando il campionato Provinciale con un gruppo nuovo e ragazzi di tre barra quattro anni più grandi rispetto ai nostri. Siamo circa a metà classifica, ma quello che conta è far crescere i giocatori gettando le basi per la prossima stagione, dove non ho dubbi saremo molto più competitivi”.

Hanno da poco iniziato la Fase Provinciale seconda parte gli Allievi allenati da Diego Pritelli e Alberto Renzi mentre i Giovanissimi A e B diretti da mister Daniele Grassetti e Matteo Baldini sono impegnati nella seconda fase del campionato provinciale. Gli Esordienti Primo e Secondo anno riprenderanno a febbraio così come i Pulcini di Enrico Pritelli, Diego Pritelli e Filippo Fratesi. Per i Piccoli Amici del tecnico Francesco Marchetti prosegue la Scuola Calcio e ad Aprile ci saranno incontri di allenamento con altre squadre. Ad Alessandro Andreoni infine è affidata la preparazione dei portieri mentre la direzione è in mano ad Andrea Campanelli con la collaborazione del mentalist coach Patrizio Zepponi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>