I lavoratori della Provincia ricevuti da Spacca: “I servizi non saranno garantiti. Si muovano anche i parlamentari”

di 

29 dicembre 2014

I lavoratori della Provincia di Pesaro e Urbino ad Ancona, davanti al palazzo della Regione Marche

I lavoratori della Provincia di Pesaro e Urbino ad Ancona, davanti al palazzo della Regione Marche

RSU – Provincia di Pesaro e Urbino

Nell’incontro tenutosi oggi in Regione, il governatore Gian Mario Spacca si è preso specifici impegni in merito ai tempi di approvazione della legge regionale sul riordino delle funzioni delle Province. Ma, dato che nel capitolo di bilancio istituito ad hoc per la riorganizzazione delle competenze a livello territoriale non è stato inserito neppure un euro, i servizi e i lavoratori sono al momento tutt’altro che garantiti.

Dal primo gennaio, i danni provocati dalla legge di stabilità a seguito dei pesanti tagli a Regioni, Province e Comuni rischiano di diventare irreparabili per i cittadini.

Senza modifiche sostanziali alla stessa e quindi senza un allentamento del giro di vite sui bilanci delle istituzioni locali, gli effetti della crisi economica saranno ancora più devastanti per la collettività, in particolare per quei territori più in sofferenza.

Gennaio dovrà essere un mese di mobilitazione straordinaria dei lavoratori di Regioni, Province e Comuni, per impedire una ulteriore regressione delle condizioni di vita e di lavoro per tutti i cittadini.

E’ inoltre arrivato il momento che anche i parlamentari del nostro territorio ci sostengano in questa sacrosanta battaglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>