Popsophia, da Rihanna agli Xmen: ventinove autori per raccontare la popular culture

di 

29 dicembre 2014

La prima monografia in Italia dedicata al genere della Pop filosofia è disponibile gratuitamente per il download nel portale della rivista Lo Sguardo (www.losguardo.net). Curata da Lucrezia Ercoli, direttrice artistica di Popsophia (manifestazione che da ormai cinque anni si occupa della divulgazione dell’omonimo genere in Italia) raccoglie gli interventi di filosofi, giornalisti e giovani ricercatori che hanno raccontato con le parole della filosofia il mondo variegato della cultura di massa contemporanea.

Per Popsophia questa rivista rappresenta l’occasione di tirare le somme di un lungo lavoro culturale. Tra gli autori del numero figurano infatti molti degli ospiti che negli ultimi anni hanno affrontato nelle splendide cornici di Rocca Costanza di Pesaro e del Castello della Rancia di Tolentino i grandi temi del nostro vivere presente insieme al pubblico nazionale che, sempre numerosissimo, è intervenuto ai festival estivi dedicati alla filosofia pop.

«Tutte le potenze del vecchio mondo si sono alleate per una caccia spietata allo spettro della popsophia: le università, le accademie, gli istituti di cultura, le case editrici, i giornalisti impegnati, gli intellettuali da salotto». Con queste parole Lucrezia Ercoli, direttrice artistica di Popsophia, apre l’editoriale del volume.

«Un vero e proprio manifesto della pop filosofia: giocoso certo, ma molto chiaro nelle intenzioni» ha dichiarato la Ercoli «Questa monografia è certamente un punto di arrivo dopo questi cinque anni, ma è soprattutto lo sdoganamento definitivo di un genere filosofico che rischiava di diventare la Cenerentola del panorama culturale nazionale.»

La Popsophia, insomma, è una cosa seria. Per accorgersene basta scorrere l’indice: firme nazionali e internazionali hanno accettato la sfida culturale della Pop filosofia, con risultati eccellenti. Musica, Sport, Fiction, Fumetti, Capitalismo: le parole chiave del contemporaneo diventano oggetto di un’analisi filosofica che rivela ancora una volta la sua capacità di confrontarsi con i temi che appassionano il grande pubblico. Da Rihanna agli Xmen, dai cori Ultras a fiction di successo come True Detective e Breaking Bad, ogni contributo aggiunge un tassello al complesso mosaico dei fenomeni pop che ci accompagnano quotidianamente.

La redazione de Lo Sguardo, rivista attiva dal 2009, ha sollecitato Lucrezia Ercoli a presentare per la prima volta in modo sistematico la Popsophia, nella convinzione che studi filosofici attenti alla contemporaneità non potessero ignorare declinazioni filosofiche che attirano l’attenzione di un pubblico crescente; a maggior ragione quando il programma proposto è intenzionalmente decostruttivo e provocatorio nei confronti della filosofia tradizionale/accademica, per la quale Lo Sguardo ha rappresentato e continua a rappresentare un luogo di confronto e di approfondimento privilegiato.

Articoli e interventi di: Alessandro Alfieri, Monia Andreani, Tommaso Ariemma, Cesare Catà, Flavio Michele Ceci, Ilaria Cozzaglio, Umberto Curi, Debora Dolci e Francesca Gallerani, Massimo Donà, Roberto Esposito, Maurizio Ferraris, Marco Filoni, Enrico Ghezzi, Davide Grossi, William Irwin, Antonio Lucci, Elio Matassi, Corrado Ocone, Laura Odello e Peter Szendy, Paolo Pagliaro, Salvatore Patriarca, Stefano Petruccioli, Simone Regazzoni, Jacques Serrano, Laurent de Sutter, Marcello Veneziani.

Il numero è consultabile e scaricabile gratuitamente all’indirizzo www.losguardo.net

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>