“Noi, ostaggi del treno senza spiegazioni”

di 

2 gennaio 2015

RIMINI – Provenienti da Bologna con un treno locale, alcuni pesaresi – insieme a tantissimi viaggiatori di un treno stracolmo – hanno subito uno spiacevolissimo e disagiato ritardo. Il disservizio si è verificato ieri pomeriggio alla stazione di Rimini. La causa era giustificata ma è venuta a mancare la doverosa informazione ai passeggeri.

Sembra che una persona sia stata travolta da un treno in transito all’altezza di Miramare. Solo dopo un’ora, una flebile voce proveniente dagli altoparlanti annunciava l’accaduto.

Rimane la “sofferenza” di passeggeri che non hanno potuto usare i servizi igienici di bordo perché il treno era fermo in stazione. Soprattutto il disservizio di mancate coincidenze.

Nel dramma di una persona che sceglie di finire la propria vita in questo modo, il malessere di centinaia di persone. Se, per eventualità remota, il probabile suicida dovesse sopravvivere, potrebbe venire accusato del reato di “interruzione di pubblico servizio”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>