Per la nonnina più famosa a Urbania arrivano in 50.000

di 

7 gennaio 2015

Befana, festa di Urbania

Befana, festa di Urbania

URBANIA – Dalla provincia di Aosta a quella di Siracusa, dagli Stati Uniti d’America al Regno Unito fino alla Cina: tutta l’Italia e non solo è arrivata ad Urbania per la cinque giorni della Festa Nazionale della Befana. In cinquantamila hanno voluto salutare l’anziana nonnina nella sua città natale nell’anno della sua 18esima edizione, affollando le aree camper, sempre piene per tutte le giornate, gli agriturismi e gli alberghi del territorio. La crisi non ha fermato le famiglie italiane che hanno deciso di passare questi ultimi giorni di vacanze assieme alla nonnina più famosa del mondo.

Un format che funziona visto che ogni evento ha avuto una grande partecipazione. Le discese mirabolanti della nonnina dal campanile, che hanno tenuto i turisti con il naso all’insù, la giornata di solidarietà con l’Accademia della risata che ha fatto capire che in ogni momento bisogna sempre ridere, la sfilata con la sciarpa più lunga del mondo, ben 50 metri, le favole nella nuova casetta della Befana, il Palio. Insomma una festa ricca di eventi che ha soddisfatto a pieno il tantissimi turisti arrivati nell’antica Casteldurante.

“Per la prima volta da sindaco ha consegnato le chiavi della città alla Befana – racconta il sindaco di Urbania Marco Ciccolini – Sono delle chiavi magiche che trasformano per cinque giorni la città e fanno divertire grandi e piccini. La festa della Befana anche quest’anno è stato un evento per cui l’intera città ha contribuito. Centinaia di volontari hanno fatto sì che anche la 18esima edizione di questa festa sia stata un successo. Questi cinque giorni di festa, oltre a regalare allegria a grandi e piccini, sono serviti per far conoscere meglio Urbania e il nostro territorio, il Montefeltro. Migliaia di visitatori hanno invaso il territorio scoprendo una terra ricca di bellezze artistiche, naturali di eccellenze enogastronomiche e di buona accoglienza. Bisognerà sempre più sviluppare questa festa perché crea tanta visibilità al nostro territorio. Il grande spazio riservatogli da tutti i mass media ne è la dimostrazione. L’appuntamento è per il prossimo anno con la Festa Nazionale della Befana”.

Tra i visitatori della festa della Befana, come ogni anno, un gran numero di affezionati camperisti, che già dal primo gennaio hanno riempito le aree di sosta della zona con ben 700 camper, di motociclisti e, naturalmente, tantissime famiglie che hanno scelto di alloggiare in gran numero negli agriturismi intorno alla città. Sono stati moltissimi anche coloro che hanno richiesto la consegna dei doni da parte delle Befane di Urbania nella notte del 5 gennaio in casa, in camper, in hotel e in agriturismo, con grande gioia dei piccoli ospiti.

“Anche quest’anno la Festa della Befana è stata un successo -sottolinea Ebe Biagetti, presidente della Proloco Casteldurante organizzatrice dell’evento – Abbiamo avuto un’affluenza di pubblico costante rispetto allo scorso anno, il che significa che il format della festa piace alle famiglie. Tanti i turisti che sono arrivati da tutta Italia. Tanti quelli che sono tornati dopo che l’anno scorso avevano deciso di passare l’Epifania con noi. Quest’anno abbiamo avuto famiglie che ci hanno assicurato che il prossimo anno torneranno in Urbania, ma non come semplici turisti, ma come volontari per vestirsi da Befana, perché questa è la vera città della nonnina. E’ una festa che manda un messaggio divertente e allegro, di unione e rispetto, dedicata ai grandi e ai più piccoli”.

La nonnina da così appuntamento al 2016 per un’altra divertente, gioiosa, ma soprattutto magica edizione della Festa Nazionale della Befana, come ogni anno dal 2 al 6 gennaio.

Info line
Pro Loco Casteldurante
0722.317211

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>