Volley Pesaro in apprensione per Valentina & Valentina: Salvia infortunata, Bellucci influenzata, ma Bertini confida di aprire il 2015 come era finito il 2014

di 

9 gennaio 2015

Un gran muro a due di Valentina & Valentina (dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

Un gran muro a due di Valentina & Valentina (dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

PESARO – In palestra (PalaCampanara) per preparare il debutto 2015, la ripresa del campionato, sperando che le due Valentina – ci scusi Giovanni Pascoli – non siano vestite di nuovo, ma di vecchio, come quando arrivò, programmata ma poco propizia, la lunga sosta del campionato di serie B1.

Valentina & Valentina sono assenti all’allenamento del giovedì sera. Anzi, una c’è: Valentina Salvia assiste seduta accanto alla co-presidente Barbara Rossi. L’altra Valentina, Bellucci, è a casa, sotto le coperte, a smaltire l’influenza che la tiene lontana dalle compagne di squadra.

La capolista attende Todi, preparando l’impegno a ranghi incompleti, perché l’assenza di due pedine del sestetto base non è roba da poco, anche se Martina Bordignon e Sofia Spadoni hanno garantito altrettanta qualità quando sono state chiamate in causa da Matteo Bertini, allenatore del Volley Pesaro, primo e imbattuto nel girone C.

Coach, partiamo da una considerazione: dovete fare i conti con qualche contrattempo, a incominciare dai mali di stagione, ma l’atmosfera è sempre molto positiva, come conferma l’ultimo esercizio a punteggio, concluso dopo una lunghissima lotta in cui le due squadre non mollavano mai.
“L’atmosfera è bella per questo: se manca qualcuna, riusciamo a sopperire con ragazze del settore giovanile, come Chiara Tarsi, che ha sacrificato un suo allenamento con la squadra di serie C per lavorare con noi. Lo ha fatto anche mercoledì e si sta comportando bene, dandoci una grossa mano. Senza una centrale si fa fatica ad allenarsi 6 contro 6. Sono contento del suo aiuto. Devo dire che è facile integrarsi, perché il clima è buono e in palestra si lavora, ma ci si diverte, spingendo tanto, perché vogliamo ripartire come abbiamo finito”.

Valentina & Valentina: Salvia potrà essere fra le dodici che scenderanno in campo domenica?
“Venerdì inizia a fare qualcosa, anche saltando. E’ l’indicazione che ci ha dato lo staff medico, dal dottor Pirani ai fisioterapisti Gabriele Palucci e Claudio Di Lorenzi. Potrà fare qualcosa ma sempre sotto controllo. Poi sabato aumenterà l’impegno e domenica sarà in panchina, partecipando al riscaldamento. Dovesse esserci la necessità, sarebbe disponibile a entrare”.

Come sta Valentina Bellucci?
“Da un paio di giorni ha l’influenza con febbre, pure se non altissima. Stamattina (giovedì; ndr) stava meglio, ma l’abbiamo lasciata a casa per precauzione. Contiamo di averla, speriamo di averla già venerdì sera, di fare qualche allenamento con lei per valutare le sue condizioni. Domenica capiremo quale sarà la formazione da schierare contro Todi”.

Una squadra che s’annuncia temibile, in crescita, collocata a un passo dai playoff. Ci diceva Sofia Devetag che sono consce che l’impegno è difficile, ma verranno a Pesaro tranquille, niente avendo da perdere, a suo parere, contro la capolista imbattuta.
“Todi è stata costruita per i playoff. Verrà qui a giocarsi la partita, ma non credo abbiano niente da perdere, perché in caso di sconfitta rischierebbero di scivolare a 6 punti dalla zona playoff. E’ vero, invece, che nei primi quattro mesi di campionato le tuderti sono state sfortunate causa infortuni che non hanno permesso loro di trovare il giusto assetto. Sono convinto che non abbiamo espresso ancora il loro potenziale, molto alto. Non sappiamo se saranno al completo, se recupereranno le infortunate Gatto e Grazietti, ma noi prepariamo la nostra partita e vedremo di essere bravi a cambiare eventualmente in corsa”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>