Volley Pesaro ha fatto 11, Bertini: “Puntiamo ad aumentare il vantaggio sulla quarta, poi penseremo al primo posto nella stagione regolare”

di 

12 gennaio 2015

Anche Bertini e Bordignon sembrano incantati dall’alzata in bagher di Isabella Di Iulio (Foto Belli, dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

Anche Bertini e Bordignon sembrano incantati dall’alzata in bagher di Isabella Di Iulio (Foto Belli, dalla pagina Facebook di Volley Pesaro)

PESARO – Coach Bertini, cosa ha pensato quando il PalaCampanara è rimasto al buio? Al sindaco Ricci, che durante la presentazione del calendario di Volley Pesaro, vi aveva invitato a perdere almeno una partita e magari ordinato di chiudere l’interruttore?

“Il sindaco è un politico che deve tenersi buoni anche i centri della vicina Umbria…”.

Scherzi a parte, cosa ha provato al momento dell’interruzione che ha lasciato al buio anche la sua squadra che pure stava dominando anche il secondo set?
“Che in questi casi si corre il rischio di perdere il ritmo. E noi ne avevamo tanto. Quando ti fermi per più di 20 minuti, quando si ricomincia è come ripartire dallo zero a zero. Loro hanno cercato di forzare il servizio, trovando un buon turno in battuta. Noi abbiamo commesso qualche errore di troppo, rischiando il patatrac. Per fortuna le ragazze sono state brave a cambiare la testa quando era necessario farlo e ciniche a chiudere il set. Il terzo parziale si è giocato punto a punto, anche perché avevamo perso il ritmo mostrato prima del black-out, quando – credo – si era vista una bellissima pallavolo. Tutti i fondamentali funzionavano al meglio. Poi qualche problema c’è stato. Però, alla fine, si è vinto 3 a 0, un risultato che ci sta, visto che Todi – purtroppo – vive un periodo sfortunato, avendo diverse infortunate e perso, durante la partita, anche Sabbatini. Ciò ha semplificato il nostro lavoro dal punto di vista tecnico, anche se ci ha messo in difficoltà mentalmente, perché forse abbiamo pensato  di avere vinto già la partita”.

Avete sofferto anche il freddo, perché con l’interruzione dell’energia elettrica si è fermato anche l’impianto di riscaldamento?
“Ho chiesto alle ragazze di non fermarsi, di fare un riscaldamento dinamico, con tanta corsa, per evitare che i muscoli si bloccassero Infatti, qualcosa abbiamo pagato. Ma eravamo preparati da giovedì, quando era mancata la luce. Al PalaCampanara, quando si ferma il riscaldamento, la temperatura precipita in maniera repentina.

Nelle note tanti appunti sulle splendide giocate difensive e su tutte le attaccanti coinvolte dalla super regia di Isabella Di Iulio, che pure doveva intendersi con due ragazze che giocano meno, ma si fanno trovare pronte quando sono chiamate in causa.
“Lo diciamo dall’inizio dell’anno: la panchina è la nostra forza. Valentina Bellucci non era al cento per cento, non essendosi allenata negli ultimi giorni, ma voleva giocare, per niente contenta di stare a guardare. Ciò mi soddisfa, perché conferma che lei ci tiene tanto a giocare. Però, sia Bordignon sia Spadoni hanno dimostrato di sapere tenere il campo alla grande. Isabella Di Iulio è sempre molto brava nel giostrare il gioco, nel coinvolgere tutte le attaccanti…”.

Una prestazione – prima del black-out – di grande spessore, visto che da tre settimane eravate a digiuno di impegni agonistici, pure non dimenticando che, proprio per il valore delle cosiddette riserve, i vostri  allenamenti sono di grande qualità.
“Una ripresa che – sinceramente – non mi aspettavo così forte. Il primo set e mezzo davvero alla grande. Anche perché in quest’ultimo periodo abbiamo faticato ad allenarci, tra influenze, raffreddori e l’infortunio di Salvia, che però da martedì sarà di nuovo nel gruppo. Ci era venuto a mancare il ritmo di gioco, ed era l’aspetto che mi preoccupava di più. Abbiamo dimostrato il contrario…”.

Alla fine ha tolto Babbi, presa di mira dal servizio tuderte, ma è stato bravo a riproporla in dirittura d’arrivo, ripagato da ottime giocate della ravennate.
“L’ho tolta perché stavano battendo in zona 1 e io avevo Bellucci, della quale conosciamo le qualità in ricezione. Sarei stato stupido a non fare questo cambio. Siamo usciti subito da quella rotazione e, andando avanti, ho riproposto Babbi, che in quei momenti ha una marcia in più. Era giusto la riproponessi, perché in attacco stava facendo bene”.

Undici su undici…
“Andiamo avanti per la nostra strada, partita dopo partita. Anche con Todi abbiamo dato un bel segnale, perché sabato sera avevano vinto sia Perugia sia Firenze, le nostre immediate inseguitrici, e noi eravamo attesi da una partita con tante insidie, da cui siamo usciti con tre punti, vanificando la rimonta di perugine e fiorentine”.

Nello sport mai dare niente per scontato, ma nella peggiore delle ipotesi, se Orvieto dovesse vincere il recupero del 28 gennaio con Casal de’ Pazzi, manterreste 12 punti di vantaggio sulla quarta. Faccia pure gli scongiuri, ma a questo punto l’accesso ai playoff è vicino, per merito vostro, non per demeriti altrui.
“Era il nostro primo obiettivo. Più vantaggio prendiamo sulla quarta e più potremo concentrarci sull’obiettivo successivo, che è quello di arrivare primi”.

Alla fine del girone d’andata mancano due partite. Ecco il calendario di chi, al momento, lotta per i playoff (in maiuscolo le partite in trasferta:

Volley Pesaro punti 32
TREVI (sabato 17 gennaio, ore 18,30); Proger V. Friends Roma (domenica 25 gennaio, ore 17)

Gecom Security Perugia punti 27
PAGLIARE (sabato 17, ore 21); Todi (domenica 25, ore 18)

CS San Michele Firenze punti 25
PROGER V. FRIENDS (sabato 17, ore 16); San Giustino (sabato 24, ore 18)

Idea Volley Bologna punti 19
Volleyrò Casal de’ Pazzi (domenica 18, ore 18); OSTIA (domenica 25, ore 17,45)

Todi Volley punti 19
Zambelli Orvieto (sabato 17, ore 21); PERUGIA (domenica 25, ore 18).

Zambelli Orvieto punti 17
TODI (sabato 17, ore 21); Trevi (sabato 24, ore 19); Casal de’ Pazzi (mercoledì 28, ore 18;recupero dell’11^ giornata).

San Giustino punti 17
Rieti (domenica 18, ore 18); FIRENZE (sabato 24, ore 18).

Volleyrò Casal de’ Pazzi punti 16
BOLOGNA (domenica 18, ore 18); Capannori (sabato 24, ore 19); ORVIETO (mercoledì 28, ore 18).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>