Delvecchio (Udc): “Ecco il documento che avvertiva del loro arrivo. Sbagliato ospitare i profughi al Lido in vista della stagione turistica”.

di 

13 gennaio 2015

Davide Delvecchio*

 

FANO – Sulla Vicenda dei profughi nella città abbiamo assistito a tanta demagogia, e di nuovo al gioco delle parti, tra chi dice niente accoglienza per razzismo e chi accoglie tutti per impostazione ideologica.

Secondo me i profughi al Lido, è assurdo, è sbagliato che siano ospitati, visto l’inzio della stagione turistica primavera -estiva e l’inizio del Carnevale. Le istituzioni non possono fare finta di non sapere che sarebbero arrivati i profughi in città visto che il documento della Prefettura sulla assegnazione alla associazione Incontri per la Democrazia di Pesaro, della Ex Assessore Regionale Cecchini (rifondazione comunista), è datato 27/10/2014. (per leggerlo clicca su AR-M620U_20141027_172828_1_graduat prefett)

Per onestà, non mi sento di dare colpe al Sindaco, perché l’insuccesso di mare nostrum e ora di frotex è sotto gli occhi di tutti. Il Ministro dell’Interno e il Premier ottenevano forti resistenze dai Sindaci quando gli venivano proposti di ospitare dei profughi, è successo anche a Fano, oggi lo stato non informa più i Comuni, ma fa bandire alle prefetture degli avvisi pubblici per associazioni, cooperative etc., che sono disponibili ad occuparsi dei profughi.

Le prefettura di Pesaro ha emanato nel luglio 2014 un bando per 280 posti per rifugiati con una spesa impegnata e stimata di € 1.223.040,00 ovvero € 4.368,00 per ogni soggetto ospitato, ma se proiettiamo il costo giornaliero di € 34,00 per un anno ogni rifugiato costa alla collettività € 12.530,45 ovvero € 1.044,21 al mese.

Questa è una follia tutta italiana, paghiamo per ogni profugo € 1.044,21 al mese, e facciamo vivere i pensionati di stenti con € 450,00 al mese e tante famiglie si sognano un stipendio sicuro di quel tipo, perché disoccupati o precari. In queste condizioni non sono razzisti i cittadini, ma è lo stato di necessità nei quali molti versano che fa disapprovare una situazione del genere e insinua sfiducia nella Politica e nella classe dirigente.

Mentre altri stati europei hanno regole certe come la Spagna che chiude le frontiere e ci sono pene certe, in Francia il reato di clandestinità è punito con la reclusione di 1 anno e ci sono migliaia di espulsioni effettive, in Gran Bretagna ci sono 6 mesi di carcere che diventa carcere a vita se si commettono reati e non si riescono ad espellerle e in Germania c’è la reclusione di 3 anni.

In Italia cosa facciamo? paghiamo per ospitare rifugiati € 1,044,21 al mese per ogni persona, risultato nel 2014 record di rifugiati in Italia nei primi 4 mesi sono arrivati 25.000 migranti contri i 40.000 di tutto il 2013.

Non possiamo dire di essere una città razzista e neppure non accogliente sappiamo benissimo che tra i tanti arrivi sulle nostre coste ci sono tanti bambini e molti scappano dalle guerre e dai massacri, ma le azioni adottate non possono essere la soluzione, oggi non ci possiamo permettere questa strategia e Mafia Capitale è un esempio delle storture e degli eccessi di questo sistema.

*gruppo consiliare Insieme per Fano – UDC

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>