Fano, Sinistra Unita: “Invasione di profughi? Solo propaganda strumentalizzata. Più pericolosi quelli che devastano San Lazzaro…”

di 

13 gennaio 2015

Carla Luzi*

 

FANO – Leggendo la stampa nazionale e quella locale sembra che i profughi stiano arrivando tutti “a casa nostra”: è solo propaganda, una propaganda alimentata da chi tende a strumentalizzare un noi e un loro, da chi cerca consenso “sfruttando” gli ultimi tra gli ultimi, usando anche la crisi come alibi.
Negli ultimi mesi 3 milioni e 800 mila persone sono fuggite dalla Siria, di queste circa il 95% sono ospitate in Iraq, Giordania, Egitto, Libano e Turchia, meno del 5% sono arrivati sulle nostre coste e sono uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra. Chi fugge da fame guerra e povertà può rivolgersi solo ai trafficanti, chi cerca protezione e sicurezza è lasciato in mano ai suoi stessi persecutori. Sarebbe indispensabile aprire dei canali umanitari: in questo momento i conflitti aumentano e con essi le persone in fuga in cerca di protezione e sicurezza, perseverare nelle politiche di chiusura equivale ad alimentare un vero e proprio mercato illegale di esseri umani.
Nel nostro paese dal gennaio all’ottobre dello scorso anno sono arrivati 22.000 minori stranieri, di cui 12.000 non accompagnati, i più vulnerabili tra i vulnerabili, eppure sono più di 20 anni che le politica italiana affronta il fenomeno immigrazione con parole come emergenza, ondate, violenza, criminalità, casa loro e casa nostra.
Abbiamo permesso che il mare Mediterraneo diventasse un mare di morte, mi spaventa questa disumanità che non riconosce nell’altro un essere umano. Ci sono però funzionari pubblici, marinai, operatori umanitari, associazioni e forze politiche come la nostra che credono nella necessità dell’accoglienza e nei diritti umani per tutti e tutte. Dobbiamo ampliare i nostri interventi e non seminare odio e intolleranza, dobbiamo aiutare, ascoltare, interagire con coloro che chiedono un rifugio o sono solo in transito, non renderli invisibili.
Nella nostra Fano solo una visione distorta della realtà può vedere i pochi ragazzi provenienti da vari paesi dell’Africa e dell’Asia e accolti in una struttura del Lido come una criticità; siamo e siamo stati una comunità accogliente, generosa. Chi potrebbe pensare che se i profughi rimanessero più a lungo al Plaza, Fano solidale farebbe brutta figura davanti ai turisti? Oppure che le 40 persone siano sporche, o chiassose, o malviventi? Perché non possono convivere con noi e con i turisti? Mi preoccuperei invece di quei balordi che continuano a danneggiare le cose comuni per divertimento, come è successo recentemente al centro commerciale di S. Lazzaro che è stato messo a soqquadro. Questi sì che sono un problema per una città turistica, come lo sono gli automobilisti maleducati che parcheggiano davanti all’uscio dei residenti della zona mare, oppure i ragazzi che al lido si riempiono di birra e arrivano al vandalismo e addirittura alla violenza, come è successo in occasione di una “italianissima” notte bianca.
Faccio presente che a Lampedusa, che è un’isola magnifica dedita al turismo, nonostante le migliaia di sbarchi e le decine di carrette del mare abbandonate sulle spiagge, gli abitanti e la loro sindaca parlano ancora di solidarietà. E noi, per quaranta profughi, che non sono i quaranta ladroni, alziamo tutta questa polvere?
La realtà è complessa e c’è molto lavoro da fare e non possiamo che ripartire da noi stessi e dalla nostra storia, ricordando quanto scritto da Etty Hillesum: “convinciamoci che ogni atomo di odio che aggiungiamo al mondo lo rende ancora più inospitale” (Dal Diario 1941-1943 di Etty Hillesum).

*Consigliera Comunale di Sinistra Unita

Un commento to “Fano, Sinistra Unita: “Invasione di profughi? Solo propaganda strumentalizzata. Più pericolosi quelli che devastano San Lazzaro…””

  1. giuseppina scrive:

    Si sono combattute delle guerre e fatte rivoluzioni per conquistare la democrazia, che è libertà e non libero arbitrio, è dialogo con chi la pensa in modo diverso da noi, è rispetto per gli altri.
    Nel nostro caso gli altri sono non solo i rifugiati, ma anche i fanesi che non sono d’accordo sulla scelta della giunta comunale di ospitare i rifugiati in un hotel di fronte alla spiaggia, con bagno e televisione in camera.
    Credo che parlando con quei ragazzi , loro stesso direbbero che l’importante è l’ospitalità, il fatto di poter magari cucinare da soli i piatti che sono tipici del loro paese ( e non gli spaghetti che piacciono invece a noi) ed il fatto di sentirsi accetti dalla popolazione.
    Perché offendere i fanesi dicendo che noi, per quaranta profughi, che non sono i quaranta ladroni, alziamo tutta questa polvere?
    In realtà pare proprio che qui si vuole imporre , “ipse dixit” le proprie decisioni e si vuole fare tacere chi chiede di discutere insieme per trovare una soluzione valida e accettabile per tutti.
    A Fano ci sono anziani che vivono con 500 euro al mese, persone che dormono in macchina, famiglie con disoccupati e non mi pare che la giunta abbia pensato di ospitarli al Plaza.
    A Fano ci sono anche altri problemi : ci sono anziani che ogni giorno vengono derubati o raggirati, quartieri devastati da delinquenti che operano tranquilli perché o mancano le telecamere o non funzionano per mancanza di disponibilità di fondi del comune, i furti sono all’ordine del giorno.
    Il comune che fa per proteggere i suoi cittadini?
    Bisogna dire che i fanesi sono buoni e hanno sempre dimostrato solidarietà verso gli immigrati, che non sono solo i quaranta rifugiati appena arrivati, ma molti di più. Basta andare al parcheggio del foro Boario e a quelli sparsi per la città o fare un giro per il corso nei giorni di mercato, per rendersi conto della loro notevole presenza .
    La mancanza di dialogo crea sempre problemi, dalla famiglia, che è una piccola società, allo stato.
    Penso che la consigliera Luzi dovrebbe riflettere quindi sulla frase che lei stessa ha citato” “convinciamoci che ogni atomo di odio che aggiungiamo al mondo lo rende ancora più inospitale”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>